Doppio volto di Meloni in Italia e in Europa

  • Pubblicato in Esteri

Meloni un Giano bifronte!

Non basta essere allineati e coperti su dossier come l’Ucraina, aperti a un asse privilegiato con il Partito Popolare europeo, magari nella prospettiva di far parte di una nuova maggioranza Ursula. Non basta chiudere le porte alla propria destra e prendere le distanze dal gruppo Identità e Democrazia. L’antinomia, se non proprio la schizofrenia, di Fratelli d’Italia potrebbe rendere accidentata la strada di Giorgia Meloni verso Bruxelles.Il doppio volto di Meloni in Italia e in Europa (...) Sono gli stessi ministri e dirigenti di Fratelli d'Italia che se ne fregano di quello che possono pensare nelle altre Cancellerie, tanto quello che conta sono i consensi in Italia, la buona salute del centrodestra nelle urne. A fronte del disastro delle opposizioni. Meloni farebbe però un errore di sottovalutazione se pensa che nei governi, che continueranno a sedere nel Consiglio europeo e a decidere il futuro assetto di potere dopo il voto del 9 giugno, ciò che accade in Italia sia indifferente. Il suo volto interno non può essere nascosto da quello all'estero (...) Il sospetto all'estero che in Italia si stia andando verso una deriva orbaniana non è una semplice suggestione antipatriottica della "solita sinistra" che grida al fascismo ma continua a perdere elezioni dopo elezioni, e ora teme l'esito delle europee. Questa convinzione potrebbe consolidarsi negli interlocutori che la premier incrocerà dopo le europee. Dovrebbe farla riflettere il monito della Commissione dell'Unione sulla «vulnerabilità dell'Italia legata all'elevato debito pubblico, abbinata a consistenti deficit di bilancio e a una debole crescita della produttività».È una questione di affidabilità e credibilità. Il commento di Amedeo La Mattina su Linkiesta

Leggi tutto...

ll pauperismo dei populisti e gli intelligentissimi a sinistra

  • Pubblicato in Cultura

Il grande polverone creato sl monologo (censurato) di Antonio Scurati

Non so quanto Meloni abbia pagato i due minuti di lavoro che saranno stati necessari a elaborare una simile dichiarazione – augurandomi di tutto cuore che non sia solo farina del suo sacco – ma trovo piuttosto deprimente l’idea che nell’Italia di oggi si debba davvero spiegare, a presidenti del Consiglio e direttori di giornale, non a bambini dell’asilo, che un monologo di due minuti non corrisponde a due minuti di lavoro, che a scrivere un testo non ci vuole il tempo sufficiente a leggerlo ad alta voce e che il suo valore non si misura certo in questo modo, così come il valore di una canzone non dipende dalla sua durata (raramente superiore ai 4 minuti). Il commento di Francesco Cundari su Linkiesta.

Leggi tutto...

Meloni vorrebbe smontare l’Ue, come fare?

Si avvicinano le europee e la Meloni rischia grosso

Giorgia Meloni vuole «smontare» l’Europa. Ne ha parlato ieri al Vinitaly, facendo riferimento in particolare alle politiche ambientali e alle risorse dedicate all’agricoltura. Ne ha parlato tra tante altre cose: il pericolo di escalation in Medio Oriente, il terzo mandato dei presidenti delle Regioni, l’autonomia differenziata. Ma il messaggio più oscuro rimane quello su come vorrebbe smontare e poi rimontare l’Europa, visto che mancano meno di due mesi al voto europeo (...) L'Europa deve essere smontata. Eppure finora è proprio sulla politica estera e il suo modo di stare a Bruxelles che la leader di Fratelli d'Italia ha marcato la differenza rispetto al passato sovranista e trumpiano. Rimane invece forte, e in continuazione con quel passato, la sua avversione al Green Deal e a tutto ciò che sulla questione ambientale ha caratterizzato la maggioranza Ursula e la presenza della sinistra socialista e verde nel Parlamento europeo. È dell'altro giorno il voto contrario a Strasburgo  sulla direttiva Case Green  contro la quale hanno votato Fratelli d'Italia, Lega e la delegazione italiana di Forza Italia, in dissenso al gruppo di appartenenza del Ppe. Il commento di Amedeo La Mattina su Linkiesta.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Newsletter

. . . .