Una letterina di Natale arrivò anche a Kennedy e Stalin

Non è la prima volta che un bambino, preoccupato per Babbo Natale, si rivolge a un politico. Sessant’anni prima di Tommaso Z., 5 anni, di Cesano Maderno (Monza Brianza), che ha chiesto a Giuseppe Conte di garantire al vecchio Santa Claus “un’autocertificazione speciale per consegnare i doni a tutti i bambini del mondo”, Michelle Rochon, 8 anni, scrisse una lettera dal suo Michigan a John Kennedy: “Ferma i russi, per favore. Se bombardano il polo Nord uccideranno Babbo Natale”. (...) Un bambino di 5 anni non scrive così. Per vedere come scrive un bambino di 5 anni deve leggere i post su Instagram del suo ministro degli Esteri. Scrive Mauro Suttora su Huffington Post.

Lo sberleffo di Tommaso, un bimbo di 5 anni, a Conte

Leggi tutto...

Trump alle prese con gli incendi delle piazze americane

  • Pubblicato in Esteri

Siamo sotto choc, e non riusciamo a liberarcene. Il doppio trauma è il presidente degli Stati Uniti nascosto nel bunker della Casa Bianca, per paura della folla che lo assediava, e la vista del cittadino americano nero morto sotto le mani della polizia, ucciso non per errore, non per caso, ma coscientemente e lentamente, in un tempo lungo, interminabili minuti e minuti. Ho detto “sotto le mani”, ma dovevo dire “sotto i piedi”. (...) i uniamo a coloro che invocano e aspettano un nuovo Kennedy, come il primo Kennedy, John, o come il secondo, Bob. E non ditemi che Kennedy, primo o secondo, era estraneo all'America. Kennedy "era" l'America. L'America è democrazia ed è civiltà, se noi abbiamo democrazia e civiltà lo dobbiamo all'America. (...) Alla violenza lo Stato deve rispondere con la giustizia, e un presidente come i Kennedy così farebbe. Ma al posto di un Kennedy c'è un presidente il quale risponde che i dimostranti violenti sentiranno nei polpacci il morso di cani feroci.Il commento di Ferdinando Camon su Avvenire.

Gli Stati Uniti devono cambiare registro, basta con Trump!

Leggi tutto...

Lincoln e Kennedy, biografie parallele

  • Pubblicato in Esteri

«Abramo Lincoln fu eletto per la prima volta al Congresso americano nel 1846. John Kennedy fu eletto per la prima volta al Congresso americano nel 1946. Lincoln fu eletto Presidente nel 1860. Kennedy fu eletto Presidente nel 1960. Sia la moglie di Lincoln che quella di Kennedy persero, a causa di un aborto, un figlio mentre i mariti erano alla Casa Bianca. Sia l’attentato a Lincoln che quello a Kennedy ebbero luogo di venerdì. Tutti e due furono colpiti alla testa. Il segretario di Lincoln si chiamava Kennedy. Il segretario di Kennedy si chiamava Lincoln». L'editoriale di Gian Antonio Stella sul Corriere della Sera.

Gli Usa rimpiangono Abramo Lincoln e John F. Kennedy, i tempi sono cambiati

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Newsletter

. . . .