Mani pulite ha favorito l’ascesa di Berlusconi

Mani pulite ha favorito l’ascesa di Berlusconi

Il crollo dei partiti, un assist formidabile a Sivlio Berlusconi

Gli anni 80 sono stati caratterizzati da diffusi segnali di crescita sotto diversi aspetti: dal punto di vista economico si parla di un nuovo boom, di cui sono protagonisti i cosiddetti “nuovi borghesi”, tra cui Berlusconi che costruisce il suo impero televisivo e non solo (...) ll crollo del Muro di Berlino nel 1989 e quello dell'Urss nel 1991 naturalmente portarono maggiori conseguenze sul secondo partito italiano, il Pci, che perse l'appoggio di Mosca e dovette rivedere la sua stessa identità (..) Verso la fine degli anni 80 si cominciava a sentire tutta l'inadeguatezza delle politiche di debito pubblico messe in campo dai governi del pentapartito: si stava avvicinando la scadenza del 1992 con il Trattato di Maastricht, che avrebbe dato avvio al processo di unione monetaria (...) Nella società civile lera diffusa la consapevolezza di uno scollamento con la classe politica e l'esigenza di un cambiamento, emersa già nelle elezioni del 1992 con il significativo risultato della Lega Nord (oltre l'8%). Il commento del prof. Matteo Fanelli su Il Sussidiario.

Newsletter

. . . .