Gli Stati Uniti d'Europa non decollano e l'Italia è sempre più ignorante

Gli Stati Uniti d'Europa non decollano e l'Italia è sempre più ignorante

L’insegnamento della lingua materna resta prioritario. Ma il dato più preoccupante riguarda la popolazione adulta. Anche in Germania o nei Paesi del Nord (e persino negli Stati Uniti) più della metà della popolazione ha gravi difficoltà nel leggere e capire un testo semplice o nell’adoperare banali strumenti di calcolo. In Giappone e in Finlandia si arriva al 38%, in Italia si supera il 70. Direi che è un dato costante l’alto tasso di problemi nell’uso completo delle lingue materne: appena uscite dalla scuola, le persone finiscono per perdere ogni capacità. Così Paolo Di Stefano in un'intervista al prof. Tullio De Mauro. 

Dopo l'euro, ci sarà l'inglese come lingua europea?

 

Newsletter