Il futuro dell’Italia è già stato deciso negli Usa

  • Pubblicato in Esteri

La sovranità dell'Italia continua ad essere limitata

Prima il solo vincolo esterno realmente cogente per il nostro Paese era dettato dalla competizione con l'Urss e da ciò che ne derivava, ossia l'adesione alla Nato e un ruolo antemurale di difesa e di mediazione che spettava all'Italia, insieme con la valorizzazione del "fianco sud" del Mediterrane (...) Oggi a quel vincolo si è aggiunto quello di seconda istanza, quello dell'adesione ai Trattati Europei (...) L'Italia è destinata all'irrilevanza, come dimostra l'assenza di un ambasciatore Usa a Roma. aNe scrive il prof. Giulio Sapelli su il Sussidiario.

 
Leggi tutto...

La differenza tra Draghi, Monti e Ciampi

I precedenti dei governi “tecnici”, in particolare quelli guidati da Ciampi e Monti, sono il frutto della presa d’atto dello sfarinamento delle alleanze elettorali, e la loro nascita coincide con due drammatiche crisi economiche. Due condizioni che ritroviamo anche nell’attuale congiuntura, aggravata dalla necessità di contrastare gli effetti della pandemia Covid.  Condizioni che sono state richiamate nell’appello del Presidente della Repubblica alle forze politiche, per motivare la necessità di offrire un sostegno a nuovo governo guidato dall’ex presidente della Bce Mario Draghi. Il commento di Natale Forlani su il Sussidiario.

Governo Draghi, sarà tecnico o politico? Il dubbio amletico

Leggi tutto...

Uomini straordinari cercasi... disperatamente

In questo primo scorcio post-pandemia già si respira un’aria molle, un che di sospeso, come se una grande incertezza avvolgesse tutti gli attori politici e sociali, in attesa di un solleone che calmi un po’ un Paese ancora sotto shock per i tremendi mesi trascorsi in casa. Non è un bel clima. Ricorda un altro momento in cui l’Italia era frastornata. Erano i primi anni Novanta. Dopo la crisi di quella che Pietro Scoppola chiamò “la Repubblica dei partiti”, squassata da Tangentopoli e dal crollo degli assetti pre-1989, l’Italia ebbe la fortuna di poter disporre di alcuni uomini eccezionali. Il comento di Mario Lavia su Linkiesta.

La crisi morde come nel 1993, allora c'era Ciampi, oggi Conte!

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Newsletter