Il coraggio che manca a Gentiloni (e a Renzi prima di lui)

LIberalizzazioni, un problema irrisolto nella nostra pvera Italetta. In Europa lo fecero, da destra, Margaret Thatcher nel Regno Unito e da sinistra Gerhard Schröder in Germania. Forse lo faro in Francia. Negli Stati Uniti lo fecero Ronald Reagan e Bill Clinton. Abbiamo noi un leader «rivoluzionario» di questo tipo? Matteo Renzi di liberalizzazioni ne ha capite e attuate due (importanti): il mercato del lavoro e le banche popolari. Avrebbe dovuto insistere, non spaventandosi di fronte alle urla delle lobby. Quando il tuo bambino ha la febbre, è domenica sera e sei in autostrada, capisci quanto è importante poter acquistare l’aspirina all’autogrill, anziché vagare per la città alla ricerca della farmacia di turno. Renzi avrebbe dovuto scavalcare le lobby e rivolgersi a questi genitori. L'editoriale di Alberto Alesina e Francesco Giavazzi sul Corriere dela

Leggi tutto...

Presidenziali Usa, Bernie può battere Hillary

  • Pubblicato in Esteri

Durante i 14 anni alla Casa Bianca lei e suo marito hanno portato a casa 139 milioni di dollari, quattrini che non trovano riscontro nell’appannaggio del Commander in Chief. Più che alle mutazioni del partito e dell’elettorato, Hillary badava al quattrino. Recentemente ha incassato 675mila dollari per tre conferenze sponsorizzate dalla Goldman Sachs, una delle banche che ha determinato la catastrofe del 2008. Chi si è formato negli anni della recessione, e chi ha dovuto crescere i figli senza arrivare alla fine del mese, non ha accolto benissimo con gioia tali performance. L'editoriale di Giancesare Flesca sul Messaggero Veneto.

Mrs. Clinton in difficoltà nella corsa per la Casa Bianca

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Newsletter


. . .