Europee 2024, il declino dei partiti antieuropeisti

Europee 2024, il declino dei partiti antieuropeisti

Europee 2024, per i sondaggi retrocedono le destre estreme

Andrà a finire che tutta la gigantesca macchina politico-mediatica-economica-ideologica che da mesi è in moto verso il fatale voto di giugno girerà tutto sommato a vuoto, nel senso che dalle elezioni Europee non scaturirà quel terremoto che alcuni, un po’ scarsi di vedute, prevedevano. I sondaggi e l’analisi politica da tempo dicono questo: i popolari e i socialisti resteranno i due primi gruppi. La maggioranza che esprimerà il/la presidente dell’Unione europea dovrebbe dunque essere la stessa di cinque anni fa, la famosa “maggioranza Ursula” (...) Il dato più interessante, se confermato, è però quello del calo della destra, cioè dell'antieuropeismo e del sovranismo: e questa è la premessa perché l'Europa non entri nel tunnel del declino, che sarebbe un declino irreversibile, mentre s'avanza l'ombra di Donald Trump nel quadro del nuovo disordine mondiale. Non tutto è perduto. Il commento di Mario Lavia su Linkiesta.

Newsletter

. . . .