L'Europa - che fa?- rallenta. L'Italia si ferma

L'Europa rallenta e l'Italia si ferma. Eppure, non c'è modo di sottrarre la nostra classe politica alla disputa, confortevole ma vuota, sui meriti e sui demeriti di una austerità di cui, peraltro, in Italia non si sono viste molte tracce. Non c'è modo di farle capire che le nostre attuali difficoltà nascono ben prima dell'euro e del fiscal compact e risalgono almeno a trent'anni fa. Non c'è modo di spiegarle che sarebbe il caso, ogni tanto, di andare oltre la congiuntura (oltre le fluttuazioni di breve periodo dell'economia) per guardare alla evoluzione di medio e lungo periodo del nostro tenore di vita (alla crescita propriamente detta). Non c'è modo di spingerla a porsi le domande che come paese dovremmo in realtà porci. Quali sono davvero le origini del ritardo italiano di questi ultimi decenni? Dov'è finito - se mai c'è stato - il dinamismo della nostra economia? Il commento de prof. Nicola Rossi sul sito dell'istituto Bruno Leoni.

Italia, fare impresa è sempre più complicato

Leggi tutto...

Renzi e C.: le promesse che non si possono mantenere

Un altro è la proposta di Matteo Renzi, contenuta nel suo libro «Avanti», di spingere il deficit al limite del 3 per cento per abbattere le tasse, non rispettando il criticato fiscal compact. Si sottovalutano, anche in questo caso, le reazioni europee e dei mercati di fronte a un taglio delle tasse che verrebbe realizzato in deficit, anziché riducendo la spesa pubblica. E intanto l’ombrello monetario di Draghi, possibile grazie al famigerato fiscal compact, si sta chiudendo. L'editoriale di Ferruccio De Bortoli sul Corriere della Sera.

I pasticci del nostro (squalificato) Parlamento

Leggi tutto...

Le vere riforme che non si riescono a fare

Forse è arrivato il momento di chiedersi se non sia il caso di intervenire col bisturi sulla prima parte della Costituzione, sui famosi principi. Dagli anni Ottanta dello scorso secolo (si cominciò allora con la Commissione Bozzi) fino al referendum costituzionale del dicembre scorso, i tanti tentativi — tutti falliti — di riformare la Costituzione hanno sempre puntato a cambiare solo la seconda parte, quella che riguarda l’assetto dei poteri dello Stato. L'editoriale del prof. Angelo Panebianco sul Corriere della Sera.

Il Belpaese bloccato dalle mancate riforme

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Newsletter