Tra religione e diritto: la caccia alle streghe

Tra religione e diritto: la caccia alle streghe

“Non lascerai vivere colei che pratica la magia”. Questo versetto dell’Esodo è stato tradotto in inglese nel 1604 su incarico di Giacomo I, un re che sentiva di aver molto da temere dalla stregoneria. Quando la Bibbia di Giacomo I fu pubblicata nel 1611 il panico per le streghe si era diffuso a macchia d’olio in tutta Europa da oltre cento anni. Il libro che “accese la scintilla” nella persecuzione delle “operatrici di malefici sortilegi” non fu però la Bibbia di Giacomo I, ma il Malleus Maleficarum che tradotto dal latino significa il “martello delle malefiche”, ossia delle streghe.

Esso, scritto dal frate domenicano Heinrich Kramer e pubblicato nel 1486, era un compendio della letteratura di demonologia allora esistente. In un momento in cui i processi alle streghe in Europa aumentavano rapidamente di numero, esso ha fornito una guida per il crimine di stregoneria, suggerendo vari metodi di tortura come migliori modi per ottenere confessioni, elevando  la stregoneria allo status criminale di eresia. La pena di morte diventava così l’unica punizione plausibile. Proprio come oggi con  l’impatto dei social media, la recente invenzione della stampa permise che le opere pubblicate si potessero diffondere più rapidamente di quanto fosse mai accaduto. Infatti ci furono ventotto edizioni del testo del Malleus in un arco di anni che va dalla sua prima pubblicazione nel 1486 fino al 1600. Nel tempo dei conflitti religiosi, il fatto che il libro fosse una fonte autorevole di informazioni sul satanismo rappresentava una delle poche cose su cui Cattolici e Protestanti si trovavano d’accordo. Non è sorprendente  dunque che, quando nel 1590 re Giacomo quasi morì in una tempesta mentre attraversava il Mare del Nord con la sua sposa Anna, il suo primo pensiero fu di essere stato vittima della cospirazione delle streghe. Questa idea venne apparentemente confermata da una donna accusata di stregoneria che, sotto tortura, confessò che nel 1590, nella notte di Halloween, duecento streghe avevano attraversato il mare su setacci in direzione della città costiera  scozzese di North Berwick, dove il diavolo le incoraggiò a cospirare contro il re.

Da quel momento Giacomo I autorizzò i processi alle streghe e la sua attenzione fu catturata dalle dinamiche della stregoneria. Nel 1597 egli scrisse il suo libro Daemonologie, un trattato sul folclore legato alle streghe e insieme resoconto filosofico della demonologia e dei metodi che i diavoli usavano per tentare gli uomini. Questo libro che fornì materiale al Macbeth di Shakespeare nella descrizione delle Weird Sisters, Strane sorelle, spiega come il diavolo opera nel mondo facendo patti con gli uomini e dando ad essi nocivi e magici poteri. Nel 1603 i regni di Scozia e Inghilterra furono unificati sotto la guida di Giacomo I. Nonostante Guy Fawkes e la Congiura delle Polveri avesse avuto l’effetto di togliere l’attenzione del re verso la cospirazione delle streghe per indirizzarla verso i complotti dei Cattolici, il panico delle streghe crebbe e peggiorò nelle decadi che seguirono l’unificazione. Entrò allora in scena un certo Matthews Hopkins, un avvocato impoverito e con un forte background puritano che, durante il caos  e lo sconvolgimento delle guerre civili inglesi, fece sua la missione di riportare la calma distruggendo ogni cosa che avesse relazione con le opere del diavolo.

Gli inizi  della sua carriera come cacciatore di streghe sono abbastanza vaghi, ma nel 1644, secondo quanto si tramanda, egli ebbe modo di udire alcune donne che parlavano dei loro incontri con il diavolo nel paese di Manningtree, nella contea di Essex, dove egli viveva.  Ventitre donne furono accusate di stregoneria e diciannove furono condannate e impiccate. Hopkins aveva scoperto la sua “vocazione”. Negli anni fra il 1644 e il 1646 egli e i suoi associati furono  responsabili  delle morti di trecento donne. Nel 1645 egli assunse il titolo di Witch Finder General, “scopritore di streghe”, e nel 1647   aggiunse alla letteratura sull’argomento un breve pamphlet sui metodi di caccia alle streghe, The Discovery of Witches, ossia la scoperta delle streghe.

Patrizia Lazzarin, 16 gennaio 2023

 

Newsletter


. . .