Cannabis libera, il dibattito è più aperto che mai

Cannabis libera, il dibattito è più aperto che mai

Secondo Vincenzo Di Marzo, direttore dell'Istituto di chimica molecolare del Cnr, noto esperto nel settore: “Non esistono molti studi sulla farmacocinetica del Thc, ed è quindi difficile comprendere in che modo influenzerebbe l’organismo il consumo ripetuto di tanti spinelli contenenti bassissime quantità di Thc, rispetto all’utilizzo di dosi minori di sostanza più concentrata (tipico del consumo ricreativo attualmente illegale)”. ll commento di Marisa Giudice sul suo blog.

La Cannabis fa discutere, aiuta o fa danni?