Come un punto sopra una "I" gigante

C'è una famiglia un po' particolare di cui vale la pena di parlare. Qualcuno la chiama la famiglia dei "the vocalist", infatti ognuno dei suoi componenti ama gorgheggiare tutto il giorno aerei suoni. C'è una e una sola parola nella nostra lingua che contiene tutti i suoi membri: aiuole. Eppure…
Leggi tutto...

Ricordi di guerra di un bambino quasi ottuagenario

Un pomeriggio, soleggiato ma freddo d’inizio dicembre del 1944, ero andato con mio padre a prendere una gnoca (lenzuolata) di foglie secche in una scapita (capanno) appena fuori paese, per rinnovare la lettiera del maiale, che grufolava tranquillo nella sua pursì, incurante dell’igiene, della guerra e della brutta fine che…
Leggi tutto...

Ci siamo dimenticati dei drammi del passato

Forse non stiamo andando incontro ad un terzo conflitto mondiale, però le avvisaglie ci sono tutte. Per non dimenticare, la prof.ssa Maria Luisa Jori ricorda un drammatico 30 aprile di settant'anni fa in quel di Alessandria. L'articolo è stato pubblicato sul sito www.cittafutura.al.it. Alessandria, 30 aprile 1944,la guerra ancora fa…
Leggi tutto...

Giscel, si incrociano le lame

Nel 1989 ero insegnante a Stresa. Stresa è una località del Lago Maggiore che conserva un'atmosfera che confina con la memoria, quella del turismo primonovecentesco. A quel tempo erano i russi a trovare ristoro sulle sdraio degli eleganti "Les Iles Borromées" e "Regina Palace". La rivoluzione d'Ottobre era ancora lontana.…
Leggi tutto...

Il vino di Luca

1 Se affinità di carattere o di esperienze sono i presupposti di ogni amicizia che si rispetti, il suo immancabile indizio, forse il suo vero cemento è però la quasi epidermica ma inconfondibile sensazione di familiarità quando l’altro ci parla. Del resto, come ogni pianta che deve superare quell’incerto periodo…
Leggi tutto...