Aperitivi a distanza per cacciare i fantasmi

Ai tempi del colera, l’amore. Ai tempi del coronavirus, come svoltare la giornata? Il messaggio è chiaro, resto a casa. La paura esplode, averne è saggio, impariamo a tenere le distanze, un metro, due metri, meglio tre. Ci autoimponiamo l’isolamento per il bene del gruppo, eppure vogliamo vivere. La risposta…
Leggi tutto...

Il suono della campanella

Prof, non avrei mai immaginato che mi sarebbe mancato il suono della campanella all’inizio delle lezioni», osserva Giacomo da una finestrina che si apre sul mio monitor. Uno dopo l’altro, compaiono anche gli altri della classe: ogni viso che si affaccia nel mio salotto, un piccolo scoppio di gioia. Quando…
Leggi tutto...

Settembre andiamo, è tempo di migrare

“Marianeddu!” Tuonò la voce del professor Sulas. Marianeddu sobbalzò, aprì gli occhi e sollevò la fronte dal braccio abbandonato sopra il banco. Scattò in piedi e girò intorno uno sguardo stralunato, mentre le risate dei compagni rimbalzavano su di lui come palline sparate da trenta cerbottane. “Zitti tutti!” tuonò nuovamente…
Leggi tutto...

Una complicata vacanza sui monti del Gennargentu

“Polizia o carabinieri?”. Senza afferrare il senso, detti per scontato che fosse ubriaco e mi girai. “Polizia o carabinieri?”, ripeté con un tono ancora più feroce. Lanciai un’occhiata al padrone in cerca d’aiuto, ma sembrava tutto assorto ad ammucchiare i bicchieri. Allora capii a cosa puntava il mio antagonista. Durante…
Leggi tutto...

Macerie

Quando il cerchio della vita si avvicina alla sua chiusura, la vecchiaia inclina sempre più verso l'infanzia, fin quasi ad identificarsi in essa. Così il nonno, che tiene per mano il nipotino, sembra dar mano a se stesso, al bambino che era, al "fanciullino" interiore, che si fa sentire specialmente…
Leggi tutto...