L'Europa deve cambiare marcia, il voto è decisivo

  • Pubblicato in Esteri

E' forte l'impressione che la nuova euro-democrazia resti reclusa in un esperimento di laboratorio che convince, sì, intellettuali, europeisti e addetti ai lavori, ma scivola sulla pelle degli elettori che appaiono disinteressati e disinformati, astensionisti, sostanzialmente chiusi in 28 recinti nazionali dove dominano problemi, scontri e retoriche nazionali: oggi esattamente come ieri. Così Adriana Cerretelli su Il Sole 24 Ore.

Un voto per l'Europa per non affondare

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS