La Lamorgese si autoaccusa: "Sono un'incapace''

Si potrebbe chiamare il paradosso Lamorgese, ministro a prescindere. Perché è il bersaglio di Salvini, e quindi non removibile. Malgrado i suoi errori, che iniziano a far breccia anche nel centrosinistra (...) Simul stabunt... per ora, ma il problema resta. E il problema - con i connotati dell'indicibilità che si addicono a un luogo sensibile come il ministero dell'Interno - è che, fosse per le classiche dinamiche politiche, il ministro Lamorgese. Il commento di Stefano Baldolini su Huffington Post.inizierebbe a vacillare davvero.

Se salta La Lamorgese, salta Draghi? Un problema per il Belpaese

Leggi tutto...

Madame Casellati, gli scivoloni che possono costarle caro

Maria Elisabetta Alberti Casellati nei guai. Di indubbio maggior rilievo le altre sortite extra Palazzo. In tv per esempio tenne banco negli anni più tosti della difesa del Cav dagli assalti giudiziari. Le punte: dalla Gruber rivendica la versione ‘Ruby-nipote di Mubarak’ e si scontra con Travaglio (“Questa signora dice puttanate”. Risposta con alzata d’occhi bistrati: “Lei è un maleducato”). Poi c’è la faccenda dei gradoni del palazzo di Giustizia di Milano dove protesta con altri esponenti di Forza Italia sempre per evitare il processo Ruby. Il ritratto su Huffington Post di Stefano Baldolini.

L'inciampo della Casellati, per lei a rischio il Quirinale

Leggi tutto...

Wuhan, il diario da una città chiusa

  • Pubblicato in Esteri

Diario da una città chiusa. Il libro-bomba di Fang Fang. l cyber nazionalismo è comune sui social media cinesi”, scriveva la Bbc, “Migliaia di netizens arrabbiati sono pronti ad alzare la testa quando la Cina è criticata, umiliata o soggetta a qualche forma di insulto dall’estero”. Quando si è diffusa la voce della prevendita su Amazon dei Diari, Fang Fang da voce del popolo, seguita da quattro milioni di lettori al giorno, diventa traditrice e un nemico interno. Di qui le proteste e le conseguenze, editoriali, ma anche inevitabilmente politiche. (...) Il cyber nazionalismo è comune sui social media cinesi", scriveva la Bbc, "Migliaia di netizens arrabbiati sono pronti ad alzare la testa quando la Cina è criticata, umiliata o soggetta a qualche forma di insulto dall'estero". Quando si è diffusa la voce della prevendita su Amazon dei Diari, Fang Fang da voce del popolo, seguita da quattro milioni di lettori al giorno, diventa traditrice e un nemico interno. Di qui le proteste e le conseguenze, editoriali, ma anche inevitabilmente politiche. Il commento di Stefano Baldolini su Huffington Post.

Wuhan, la verità di Fang Fang e le bugie dei cinesi

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS