Matteo fa macchina indietro, non cambia più verso!

Oggi si capisce perché Cottarelli ha lasciato il suo incarico. Con il premier non era in sintonia. Lui voleva i fatti (una scure sulle società partecipate da comuni e regioni, e così via), Renzi al di là delle dichiarazioni di principio, pretendeva che lo status quo non venisse assolutamete modificato. Il commissario alla revisione della spesa voleva ridurre da 8 mila a 1.000 le società partecipate. Si illudeva: sono un paracadute per gli esodati della politica. Le considerazioni di Sergio Rizzo sul Corriere  della Sera.

Matteo ricicla i rifiuti della politica

 

Leggi tutto...

Chi taglia è perduto, le regioni sprecano e non vogliono cambiare strada

Nel 2000, prima dell’entrata in vigore del famoso Titolo V che ha esteso in modo scriteriato le autonomie regionali, la spesa sanitaria era di poco superiore a 70 miliardi. Nel 2015 ammonterà invece a 112 miliardi. L’aumento monetario è del 60 per cento, che si traduce in un progresso reale del 22 per cento.Si potrà giustamente sostenere che in quindici anni sono cambiate molte cose: la vita media si è allungata e la popolazione è più anziana. Per giunta, la Sanità italiana è considerata fra le migliori d’Europa, al netto delle grandi differenze territoriali al suo interno che si traducono in un abisso del diritto fondamentale alla salute tra il Nord e il Sud: altro effetto inaccettabile del nostro regionalismo.Resta il fatto che nel 2000 la spesa sanitaria pro capite era di 1.215 euro e oggi è di 1.941, con un aumento monetario del 59,7 per cento e reale del 26,7. La differenza di qualità del servizio è tale da giustificarlo? Così Sergio Rizzo sul Corriere della Sera.

Le regioni non vogliono tagliare le loro folli spese

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS