A Roma un governo indeciso su tutto

Vogliono vincere le elezioni europee per cambiare la politica economica dell’Unione. Credono di poter diventare l’ago della bilancia di un Europarlamento rinnovato e sperano che altre forze politiche anti establishment facciano un buon risultato per porre fine al consociativismo di liberali, socialisti e popolari europei. Ma ci sono poche, pochissime possibilità per Lega e Movimento 5 stelle di evitare una manovra correttiva e l’aumento dell’Iva nella legge di bilancio nel 2019. Sia che al governo ci sia ancora il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, o Matteo Salvini come leader del rinnovato centrodestra o addirittura un tecnico come Mario Draghi o Carlo Cottarelli nel caso la situazione economica e politica dovessero degenerare. Lega ma soprattutto il Movimento 5 stelle hanno puntato tutte le loro fiches politiche sulla vittoria alle elezioni europee per cambiare la composizione della Commissione e del Parlamento europeo ma non basterà. Il commento, severo, di Andrea Fioravanti sul sito linkiesta.

Italia in difficoltà, dopo le europee le contraddizioni esploderanno

Leggi tutto...

L'Italia non ha una sua politica estera comprensibile

  • Pubblicato in Esteri

Matteo Salvini e Luigi Di Maio non hanno torto nel far notare che il buonista Macron i migranti li respinge, a migliaia e senza pietà, alla frontiera di mare (Ventimiglia) e di montagna (Bardonecchia). E non hanno torto i pentastellati quando criticano la politica della Francia in Africa, costruita per favorire gli affari francesi e penalizzare quelli africani. Per non parlare poi della Libia (la Francia dovrebbe inginocchiarsi sui ceci per le tante porcherie fatte o ancora in corso), della Tav (che il Governo nostro attuale, soprattutto nella componente pentastellata, vorrebbe bloccare a costo di smentire accordi presi in passato), del “caso Battisti” (con la polemica, accesa da decenni, sui terroristi italiani che bevono champagne oltralpe) e delle beghe occasionali tipo Fincantieri o Alitalia che sempre spuntano tra Paesi vicini e da lungo tempo in affari, una cosetta da 80 miliardi l'anno. Il commento di Fulvio Scaglione sul sito linkiesta.

La guerra Italia-Francia continua

Leggi tutto...

Abruzzo, i limiti evidenti del M5S

Se queste sono le prove tecniche delle elezioni europee, servirà più di un Maalox, questa volta. E non mancheranno i processi interni. Perché qualcuno dovrà rendere conto, ad esempio, dell’acquiescenza del Movimento rispetto all’agenda leghista, dai porti chiusi al decreto sicurezza, nonostante il Movimento possa contare su una forza parlamentare di gran lunga superiore. Allo stesso modo, non dubitiamo che qualcuno finirà per mettere in discussione pure la scelta di allearsi con Salvini. Una scelta che, sinora, si è rivelata politicamente fallimentare: dal giorno dell’insediamento del governo Conte, il Movimento ha perso un punto al mese, tutti a favore dell’alleato leghista. Il commenot di Francesco Cancellato sul sito linkiesta.

Elezioni in Abruzzo, il flop annunciato del M5S

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS