Forza Italia, partito di plastica, lo è anche il Pd

Era vero, come molti non si sono mai stancati di dire, che Forza Italia è stato sempre un partito di plastica. Era vero che Berlusconi era il suo padrone e tutti gli altri, i deputati e i senatori, solo una sorta di suoi dipendenti sostanzialmente a libro paga: i quali, finché le cose andavano bene, non si sognavano di emettere un fiato qualunque cosa gli venisse ordinata o accadesse....Anche il Pd non esisteva più. Era un involucro vuoto. E a questo punto è bastata per impadronirsene una banda di giovani audaci, animati da uno smisurato desiderio di vincere, che nulla avevano a che fare con la sua lunga storia. Un editoriale di rnesto Galli Della Loggia sul Corriere della Sera.

Leggi tutto...

Matteo fa macchina indietro, non cambia più verso!

Oggi si capisce perché Cottarelli ha lasciato il suo incarico. Con il premier non era in sintonia. Lui voleva i fatti (una scure sulle società partecipate da comuni e regioni, e così via), Renzi al di là delle dichiarazioni di principio, pretendeva che lo status quo non venisse assolutamete modificato. Il commissario alla revisione della spesa voleva ridurre da 8 mila a 1.000 le società partecipate. Si illudeva: sono un paracadute per gli esodati della politica. Le considerazioni di Sergio Rizzo sul Corriere  della Sera.

Matteo ricicla i rifiuti della politica

 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS