L'Unione Europea non attrae più come un tempo

  • Pubblicato in Esteri

Il mondo in drammatica confusione, il populismo dilaga

  • Pubblicato in Esteri

La Brexit è stata resa possibile dall'ex premier David Cameron che, dopo essere stato il secondo leader conservatore dopo la Thatcher a essere riconfermato primo ministro in seguito a un primo mandato di cinque anni, ebbe la brillante idea di lanciare il referendum, convinto di vincerlo. E invece lo perse. Anche Emmanuel Macron, in Francia, ha ottenuto un successo plebiscitario di tipo populista, mettendosi alla testa di un movimento e non di un partito, raccogliendo consensi trasversali apolitici o prepolitici, volando all'Eliseo e trascinando con sé una grande maggioranza parlamentare. Ma adesso stenta persino ad andare in giro per la Francia, tanto è lo scontento che ha generato. E i gilet gialli per poco non vanno a prenderlo a casa. I commento di Fulvio Scaglione sul sito linkiesta.

 

Brexit, Gilet Jaune, governo giallo-verde in Italia

Leggi tutto...

In Italia democrazia sempre più debole, Renzi gongola

Negli Stati Uniti, mai un presidente ha occupato la Casa Bianca senza vincere regolari elezioni. È questa la principale critica piovuta sulla serie prodotta dal canale on demand Netflix e tratta dai romanzi di Michael Dobbs, ex capo dello staff di Margareth Thatcher (pubblicati in Italia da Fazi). Il Washington Post , tramite Seth Masket, una delle sue firme politiche più influenti, ha elencato una serie di altre incongruenze, ancor più specifiche, relative al funzionamento della Casa Bianca e non solo: a Washington non ci sono solo due persone intelligenti; non sono i leader del Congresso a scegliere i candidati alla presidenza; il presidente non può candidare sua moglie per un importante incarico diplomatico. Un articolo di Maurizio Caverzan su il Giornale.

Renzi, premier anomalo

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS