Il governo piace agli italiani? Il mistero svelato

La tenuta del governo gialloverde è, almeno in apparenza, un mistero. (...) Qualche considerazione. La prima è il dividendo di potere nelle nomine. Al quale ci si abitua tanto più velocemente quanto più lungo è stato il digiuno. Un compromesso spartitorio si trova sempre. Anche sdoppiando le caselle. Come stanno tentando di fare con le nomine di Paolo Savona e Marcello Minenna alla Consob, la Commissione per le società e la Borsa. O con la decisione di reintrodurre il consiglio di amministrazione per la successione di Tito Boeri all’Inps. Il commento di Ferruccio De Bortoli sul Corriere della Sera.

L'insaziabile sete di poltrone dei gialloverdi

Leggi tutto...

Lavoro, esplodono i voucher

Tagli dei vitalizi, Renzi non vuole inimicarsi i parlamentari

La proposta: ricalcolare su base contributiva anche i trattamenti dei politici superiori ai 5 mila euro lordi e poi via via quelli oltre i 3.500. Il parlamento avrebbe risparmiato il 40% circa del 193 milioni spesi ogni anno. Un taglio di 79 milioni, che sommato a quello agli assegni dei consiglieri regionali avrebbe offerto alle casse statali un sollievo di 148 milioni. L'editoriale di Sergio Rizzo sul Corriere della Sera.

Vitalizi, i politici non mollano la presa

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS