Il dibattito scomparso sulla riforma della Costituzione

Il modo come in Italia funzionano l’esecutivo, la giustizia, le Regioni o la burocrazia, non è mai fatto oggetto di attenzione e tanto meno di elogi dal discorso sulla Costituzione. Accortamente i ditirambi sono riservati solo ai massimi principi: alla solidarietà, al ripudio della guerra o al diritto allo studio e via dicendo. Sul resto, silenzio. Con il risultato che modificare ciò che pure a giudizio di moltissimi andrebbe modificato di questa seconda parte si rivela da sempre di una difficoltà titanica, dal momento che la cosa può facilmente essere fatta passare per un subdolo attacco ai principi suddetti. L'editoriale del prof. Ernesto Galli Della Loggia sul Corriere della Sera.

Silenzio dei partiti sulla riforma costituzionale

Leggi tutto...

La nostra classe politica è rinunciataria

Una politica che rinuncia a impugnare la legge, a far valere comunque il principio di legalità, è una politica che rinuncia al proprio potere e allo stesso tempo mina lo Stato decretandone l’inutilità. Rinuncia alla propria ragion d’essere e si avvia consapevolmente al proprio suicidio. Non è quello che sta accadendo in Italia? L'editoriale di Ernesto Galli Della Loggia sul Corriere della Sera.

I nostri politici incapaci d cambiare le regole

Leggi tutto...

Il centrodestra è diviso

Berlusconi ha sempre pensato che fosse sufficiente un’alleanza con le gerarchie ecclesiastiche all’insegna di una strumentale condivisione di «valori irrinunciabili» (a lui e al suo ambiente peraltro del tutto estranei). Ma evidentemente non di questo si tratta. Bensì di fare i conti con quel lascito di idee e di propositi che vengono da una lunga storia e che hanno alimentato un’esperienza che è stata decisiva per la vicenda della democrazia italiana. Un editoriale di Ernesto Galli Della Loggia sul Corriere della Sera.

Destra, maggioranza nel Paese, incapace al governo

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS