Cara Unione Europea, così davvero non va

L'Europa non esiste

Se vuole sopravvivere, se vuole cercare di diventare un vero corpo politico,cioè un'entità coesa, tenuta insieme da un legame autentico, e perciò capace di un'azione efficace, l'Europa ha una sola strada davanti: quella di una stagione costituente radicale, audace. In mancanza di ciò, su troppe cose che contano continueremo ad andare in ordine sparso, magari a raccontarci la favola che tanto a «fare l'Europa» ci pensa il programma Erasmus, aspettando che inevitabilmente qualcuno prima o poi però,con le buone o con le cattive, decida di uscire dall'Unione e di chiederne il fallimento. Un editoriale di Ernesto Galli Della Loggia sul Corriere della Sera.

Leggi tutto...

Il Belpaese si trova in un vicolo cieco

Se da vent’anni, suggerisce il prof. Ernesto Galli Della Loggia con un editoriale sul Corriere della Sera, l’assetto politico italiano non trova pace, sentendosi periodicamente insidiato dall’antipolitica, dal populismo, dal giustizialismo - con i vari schieramenti politici che di volta in volta incarnano uno dei tre - una ragione di fondo c’è. Ed è che tutte e tre quelle patologie sono nel Dna stesso della Seconda Repubblica: costituiscono una sorta di suo peccato originale. Tra il 1992 e il 1994 - non bisogna mai dimenticarlo - la Seconda Repubblica è nata infatti fuori e contro la politica. Violando in molti modi l’insieme di regole e di prassi che fino allora la democrazia italiana aveva più o meno sempre rispettato, e al tempo stesso, però, non essendo capace di darsi regole davvero nuove. Proprio per questo essa è restata in certo senso prigioniera delle modalità della sua nascita: condannata a ripercorrerle periodicamente. Dunque a doversela vedere periodicamente con l’antipolitica, con il populismo, con il giustizialismo.

Se cresce l'antipolitica è per la scomparsa della buona politica

Leggi tutto...

Mafia a Roma, è di nuovo questione morale

La politica deve essere capace una buona volta di dare voce, un segnale da trasmettere alle menti e ai cuori di quei milioni di «sprovveduti» che pur con tutti i limiti e le contraddizioni che conosciamo costituiscono la maggioranza degli italiani. Un segnale forte di serietà, di decisione, e una buona volta di capacità di colpire per primi. Siamo stufi di vedere all’attacco sempre gli «altri» e «noi» colpire sempre di rimessa. Così Ernesto Galli Della Loggia sul Corriere della Sera. 

Mafia Capitale, il rischio è chiudere gli occhi di fronte al malaffare

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS