I compiti a casa di Renzi, consigli non richiesti

 

 

Matteo Renzi è certamente un ragazzo intelligente, è riuscito in un’operazione grandiosa. Dopo l’insuccesso nelle primarie del partito democratico del 2012 in cui si era scontrato con Pierluigi Bersani, l’ex primo cittadino di Firenze ci ha riprovato l’anno seguente e l’esito è stato a lui favorevole. Certo a votare non si sono recati soltanto gli iscritti al partito (alla Ditta), ma anche altri simpatizzanti del giovane rottamatore. Questo particolare, un  po’ trascurato dai commentatori, ha fatto la differenza. Adesso è in sella al Pd, non ha mollato la segreteria, si è circondato di yes men/woman, ha conquistato Palazzo Chigi e non ha alcuna intenzione di lasciare la presa. Alla Leopolda il premier ha tranquillamente ammesso di avere fatto un’Opa sul Pd e che l’operazione ha avuto un buon esito

Metà degli elettori di Cuperlo (il 48%) era composta da iscritti al Pd, mentre più di tre quarti di quelli di Renzi e di Civati si erano dichiarati non-iscritti. Le differenze fra i candidati appaiono evidenti dagli orientamenti politici. Gli elettori di Cuperlo sono concentrati a centrosinistra e a sinistra (90%, distribuiti quasi equamente tra le due aree dello spazio politico), quelli di Civati soprattutto a sinistra (57%). Dove si colloca una componente significativa di elettori di Sinistra e Libertà. Renzi, invece, è rimasto saldamente ancorato a centrosinistra (50% dei voti), ma attingendo consensi anche al centro (18%). Nella sua base, non per caso, appare ampia (31%) la quota dei cattolici praticanti (Ilvo Diamanti,  la Repubblica, 9 dicembre 2013) .

La scoppola delle regionali dovrebbe indurlo a riflettere. La possibilità di continuare a pescare sul versante destro dello schieramento politico sembra in via di esaurimento. Se il centrodestra si riunisce, come ha mirabilmente fatto in Liguria, le possibilità per il partito della Nazione di Matteo si assottigliano, stante l’avanzata della nuova Lega Nord a guida Matteo Salvini. A questo punto Renzi deve fare un’attenta riflessione. Con il Pd deve guardare più al centro che a sinistra? A mio avviso non deve farlo. Si proponga alcuni obiettivi. Non facili da perseguire.

Problema immigrazione: ascolti il grido di allarme di interi strati di cittadini. Si imponga a Bruxelles, minacci ricatti, non versi contributi alla Ue in mancanza di precise assunzioni di responsabilità da parte dell’Unione sul modus operandi sulle tragedie dei mille barconi affollati di uomini, donne e bambini disperati che lasciano le loro terre per inseguire prospettive migliori nel Vecchio Continente. Dublino deve essere riscritta. L’Italia non può più sostenere il peso di queste ondate di profughi.

Tasse: cerchi di abbassarle

Spesa pubblica: c’è il dossier Cottarelli, cincischi di meno e ne segua le direttive. Tagliare il moloch della spesa pubblica che ha superato abbondantemente gli 800 miliardi di euro non dovrebbe essere complicato. Qualsiasi azienda, in crisi, accetta di vedersi tagliato il budget dei costi del 10-20% per affrontare le difficoltà Sempre che lo si voglia. Lo si vuole veramente? Non pare proprio.

Lavoro: cassi la cassa integrazione a gogò (fonte di sprechi da decenni per aziende decotte e tenute in vita con la respirazione bocca a bocca) e istituisca il reddito di cittadinanza proposto dai Cinque Stelle.

Pensioni: estenda il metodo contributivo a tutti i lavoratori. Risulterebbe, infatti, che stante l’attuale normativa, a regime il metodo contributivo entrerà in vigore soltanto nel 2050 (Fonte Inps).

Se Renzi vuole recuperare il terreno dei consensi perduto, deve darsi una mossa e fare quel che Gerard Schroeder ha fatto in Germania nel 2003. Il suo esecutivo deve essere composto da personalità di primo piano e non da suffraggette e suffraggetti. Come l’attuale. Vanno bene, benissimo, le donne, purché competenti. I risultati elettorali del Veneto dovrebbero suggerire al buon Matteo la strada da seguire. E non vanno bene i trasformismi. Sono da condannare. L’avesse attuato Silvio Berlusconi il comportamento di Renzi, l’Italia tutta sarebbe scesa in piazza, costringendo il capo del governo a desistere. La maggioranza non c’è più? Si va a nuove elezioni. In Israele è così. In Spagna è così. In Grecia è così. E la democrazia e non gli intrighi di palazzo che lo vogliono.

Marco Ilapi

Leggi tutto...

Naufragio nel Mediterraneo, Ue assente

Al governo suggeriamo di fare un salto in Spagna, che è più vicina all'Africa dell'Italia, o in Australia (di tradizione culturale anglosassone), per verificare quale sia il metodo migliore allo scopo di non farsi assaltare dai profughi. Spagna e Australia infatti non sono mete gradite a costoro. Perché? Aprire gli occhi. Un editoriale di Vittorio Feltri su il Giornale.

L'Italia non è responsabile delle morti degli immigrati

Leggi tutto...

L'Europa sa di non esistere?

  • Pubblicato in Esteri

Si misura drammaticamente l’assenza di una politica estera comune. Di un sistema di difesa comune, suo necessario supporto, che però comporta dei costi: la difesa non è gratis, gratuita è soltanto la demagogia di chi dice che ogni euro speso per la difesa militare è un regalo a qualche lobby tenebrosa, sottratto a chissà quali progetti di sviluppo civile. L’Europa non sa cosa fare di scafisti senza scrupoli, di schiavisti che spadroneggiano sui mari. Figurarsi se riesce ad elaborare una linea comune, e comportamenti coerenti, anche molto impegnativi, per aiutare i curdi che si battono contro i fanatici islamisti, contro Assad che da una parte è un alleato, ma dall’altra è un macellaio che ha affamato una popolazione, ucciso decine o centinaia di migliaia di civili. Un editoriale di Pierluigi Battista sul Corriere della Sera.

L'Unione Europea a un bivio

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS