4 marzo 2018, è cambiato il mondo, è cambiata a politica

L’unica cosa di cui questo paese ha bisogno è una narrazione e una proposta politica alternativa da opporre in modo deciso e netto all’idea di mondo di chi, oggi, detiene l’egemonia: la destra conservatrice, sovranista, razzista, nostalgica, che in Italia ha il volto di Salvini e l’esercito di utili idioti votanti a targa 5 Stelle. Il commento di Hamilton Santià sul sito linkiesta.it.

La sinistra è morta, anzi no

Leggi tutto...

Il trionfo di Donald

E alla fine Trump trionfa. Contro ogni previsione della vigilia. Contro ogni aspettativa. Contro i media. Tutti. Anche quelli della sua parte politica. In verità negli Stati Uniti, nel profondo Sud, nei piccoli centri nessuno legge i grandi giornali, quelli che fanno (o facevano) opinione. Trump è riuscito nel miracolo straordinario di sovvertire ogni pronostico. E’ una rivoluzione. Dopo Brexit abbiamo una Hillaryexit. Sì, perché la dinastia Clinton può serenamente andare a remengo. Con la sua fondazione. Con i suoi contatti con i “maghi” di Wall Street. La Grande Finanza Globale. Nessuno, ma proprio nessuno avrebbe mai scommesso un cent sulla vittoria di The Donald. E invece… Il messaggio mandato dal popolo americano è chiaro. Chiarissimo. La politica, la grande politica, quella dei Kennedy, quella di Obama ha fallito. Chissà se qualcuno ha scommesso un solo dollaro su tycoon newyorkese. Che sarà stato un palazzinaro. Che avrà evaso il fisco (ma evidentemente le leggi americane glielo hanno consentito, altrimenti sarebbe stato sbattuto in galera, senza tanti complimenti. Come è successo ad Al Capone negli anni Trenta. Chi ha deciso di buttare via un dollaro scommettendo sulla vittoria di Trump, oggi va via con la saccoccia piena i migliaia di dollari. Non male. Non male. I bookmakers hanno clamorosamente toppato. E’ accaduto straordinariamente quel che è successo con il Leicester che ha vinto il campionato inglese. Alla vigilia del campionato in Premier League le probabilità per la vittoria della squadra di Claudio Ranieri erano di 1 a 5000. Ridotte al lumicino. Cioè nulle. Esito: il Leicester è diventato campione d’Inghilterra. Quei pochi che avranno scommesso alla vigilia su Donald un solo dollaro, ripetiamo, potrà tornarsene a casa ben contento. Hillary Clinton è risultata una candidata dell’establishment, della finanza che regna sovrana su Wall Street, ossia manifestamente sbagliata. Berry Sanders, assai probabilmente stravinto nel confronto con Trump. Ma anche lo stesso Joe Biden, il vice di Barack Obama. I democratici americani devono fare mea culpa.

Marco Ilapi, 9 novembre 2016

Leggi tutto...

I populismi in Usa ed Europa debordano a destra e sinistra

  • Pubblicato in Esteri

L’esempio americano potrebbe indicare quella che forse è la sola via d’uscita da una situazione che invece oggi, qui in Europa, vede le forze democratiche paralizzate, incapaci di trovare idee ed energie per una controffensiva, e perciò destinate inevitabilmente prima o poi, se il quadro resta quello attuale, a una sconfitta rovinosa. L'editoriale di Ernesto Galli Della Loggia sul Corriere della Sera.

Presidenziali Usa, una leadership debole fa paura

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS