La sfida di Draghi ai partiti

La sfida di Draghi ai partiti

A un certo punto si decide, e la mediazione può essere utile, necessaria, nella misura in cui è uno strumento per arrivare all’obiettivo, ma non una prassi che si autoalimenta producendo immobilismo. E si decide sulla base di ciò che è giusto, perché il primo provvedimento serve per coniugare Pil e salute, senza vanificare gli sforzi fatti, l’altro è un pezzo del contratto da onorare con l’Europa per ottenere i fondi del Recovery. Il commento di Alessandro De Angelis su Huffington Post.

Il coraggio di Mario Draghi (e la debolezza dei partiti)