Draghi, allievo di Federico Caffè, è un riformista autentico

Draghi, allievo di Federico Caffè, è un riformista autentico

Riforme, dunque, per spendere bene i 209 miliardi: pubblica amministrazione, fisco, giustizia, scuola, lavoro, welfare. E investimenti sulle infrastrutture, tecnologiche e materiali, in linea con le strategie di sviluppo sostenibile. Né sussidi né protezioni settoriali, dunque. Semmai, iniziative per creare un ambiente favorevole alla crescita competitiva delle imprese, alla produttività. Il commento di Antonio Calabrò su Huffington Post

Valide ragioni per non sabotare Mario Draghi