La democrazia è in pericolo

La democrazia è in pericolo

Il 20 e 21 settembre gli italiani saranno chiamati a votare per il quarto referendum costituzionale della storia repubblicana (2001, 2006 e 2016 i precedenti), certamente il più grottesco e il più pericoloso di sempre perché il tema del quesito non è la modifica dei rapporti tra Stato e Regioni o della seconda parte della Costituzione o del bicameralismo perfetto, tutta roba seria e ragionata, ma il taglio lineare dei parlamentari, da 630 a 400 deputati e da 315 a 200 senatori, contro il quale in questi tempi impazziti in pochi hanno il coraggio di fare la cosa giusta: intestarsi una nobile battaglia in difesa della politica e delle istituzioni repubblicane, pur sapendo di andare incontro a una disfatta nelle urne. (...) Dietro la scelta demagogica e apparentemente innocua di voler ridurre il personale politico non c'è un'idea di riforma dello Stato né alcunché di elevato, ma soltanto una visione meschina della politica e una volontà punitiva nei confronti della democrazia parlamentare. Casaleggio padre aveva l'obiettivo di sostituire la democrazia rappresentativa con una piattaforma digitale di sua proprietà, l'erede Casaleggio immagina un futuro senza parlamenti e molta blockchain, l'intendenza grillina viola palesemente l'articolo 67 della Costituzione imponendo ai tanti agenti Catarella mandati in Parlamento un vincolo di mandato e di obbedienza al volere della piattaforma, con tanto di contratto e di penali. Il commento di Christian Rocca su Linkiesta.

Referendum, bocciare l'antidemocratica proposta grillina