L'azzeccagarbugli Conte al lavoro

L'azzeccagarbugli Conte al lavoro

Piuttosto che affrontare la scalata dell'Everest con la prossima legge di bilancio, che dovrà partire inevitabilmente da almeno 30 miliardi di euro tra clausole di salvaguardia e correzione bis di primavera, l'esecutivo Conte sembra attratto dall'infilarsi nella turbolenza del buco, non quello dei conti pubblici, ma della montagna della Tav, per dare libero corso alle autonome aspettative elettorali di Matteo Salvini e Luigi Di Maio e riportare indietro l'orologio ad un anno fa, prima delle elezioni. Il commento di Roberto Somella sul sito Huffington Post.

Tav, il governo Conte non sa che pesci prendere