La nostra classe politica è rinunciataria

La nostra classe politica è rinunciataria

Una politica che rinuncia a impugnare la legge, a far valere comunque il principio di legalità, è una politica che rinuncia al proprio potere e allo stesso tempo mina lo Stato decretandone l’inutilità. Rinuncia alla propria ragion d’essere e si avvia consapevolmente al proprio suicidio. Non è quello che sta accadendo in Italia? L'editoriale di Ernesto Galli Della Loggia sul Corriere della Sera.

I nostri politici incapaci d cambiare le regole