L'annuncio di un autunno caldo

Al di là della mitologia del “contratto” comincia, infatti, a farsi sentire il peso dei differenti bacini elettorali geografici e sociali di M5S e Lega. Le due componenti populiste possono trovare un comune terreno nell’occupazione del potere, ma questa prospettiva riguarda esclusivamente il ceto politico, non i ceti sociali che…
Leggi tutto...

L'appettito vien mangiando, M5S e Lega occupano la Rai

Settimo piano di Viale Mazzini. Espugnare quel fortino non è che porti bene, visto che dal 1992 a oggi quelli che si sono presi la Rai hanno poi sempre perso le elezioni. Ciò nonostante i partiti, tutti i partiti, anche Pd e Fi che l’hanno ampiamente lottizzata e ora condannano…
Leggi tutto...

Il dilemma, oggi, del centrosinistra

In una democrazia «stare all’opposizione», «essere opposizione», può significare due cose distinte. La prima e più ovvia, non condividere il programma politico della maggioranza e contrastarlo. La seconda, invece, avere un’identità — cioè un sistema di valori e di prospettive, una visione del mondo — diversa ed opposta rispetto agli…
Leggi tutto...

Ci risiamo, guerra per la Cdp e Rai

Al cronista di lungo corso torna alla mente quel galantuomo di Renato Ruggiero, ambasciatore, alto funzionario della Commissione Ue, manager e ministro degli Esteri – tecnico, si diceva già allora, 2001 – nel secondo governo Berlusconi. Incarico nel quale durò appena sei mesi per poi essere dimissionato per insanabili contrasti…
Leggi tutto...

Il rischio flop per Matteo e Luigi

Ci aveva visto lungo Giancarlo Giorgetti, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, nonché consigliere principe del capitano Matteo Salvini: «Tenete sulla scrivania una foto di Matteo Renzi» aveva raccomandato ai ministri, sia gialli che verdi. Il sottotesto dell'esortazione era chiaro: ricordatevi di non fare come lui, di non stare al centro…
Leggi tutto...