Italia, un Paese senza legge elettorale, a rischio declino

Per mettere fine in extremis allo scandalo di un Paese senza legge elettorale bisogna cercare un’intesa larga e dunque un compromesso parlamentare. Ma lo si deve fare alla luce del sole, con proposte chiare e pubbliche e un’idea del sistema politico che garantisca governabilità e rappresentanza, non piccoli interessi di…
Leggi tutto...

Dalle Fondazioni la caccia alle poltrone che contano

“Tre fenomeni emergono quando si incrociano i dati dei think tank con la sfera pubblica”. Il primo riguarda casi di spoil system: persone che fanno parte di queste strutture assieme a un determinato politico con un incarico pubblico che vengono nominate come capo del gabinetto o della segreteria particolare. L'interesante…
Leggi tutto...

La presa in giro dei partiti e la disaffezione cresce

Tutti i leader, nessuno escluso: "non riusciamo a fare nemmeno una legge elettorale come si può pensare di riformare i partiti?" Giusto. Ma arrendersi alla paralisi legislativa, non discuterne nemmeno, equivale a una colpevole distrazione. Un’ammissione di fallimento, prima culturale che politico. Dunque, almeno proviamoci. L'editoriale di Ferruccio De Bortoli…
Leggi tutto...

La politica è al servizio dei ricchi

Che la politica possa costare quattro soldi è pura ipocrisia. Che serve a coprire due ipocrisie ancora più grandi: quella della «democrazia elettronica» cara ai grillini, dove con un semplice clic su un computer tutti sarebbero in grado di dire la loro su tutto, sebbene non sapendo e non decidendo…
Leggi tutto...

Ha vinto Macron, quale il ruolo dell'Italia?

C’è, come al solito, la palla al piede rappresentata dal debito pubblico. Ha sempre ridotto in Europa i nostri margini di libertà e la nostra autorevolezza. Continuerà a farlo. C’è poi, soprattutto, la nuova fase di instabilità e di ingovernabilità politica che si apre davanti a noi. L'editoriale di Angelo…
Leggi tutto...