Renzi deve scegliere tra Pd e Fi

Hanno ragione i dirigenti del partito democratico che contestano gli atteggiamenti un po’ sbruffoni del premier Renzi. Il premier si è tenuto l’incarico di segretario del partito per evitare che la guida dello stesso potesse cadere in mani nemiche (Cuperlo? Civati?...). L’Italia non è la Gran Bretagna, dove il segretario del partito che vince le elezioni diventa, in automatico, anche capo dell’esecutivo. La storia della democrazia inglese è piuttosto diversa da quella nostrana. In Albione non sono presenti quella quarantina di partiti e partitini che sconvolgono (è il caso di sottolineare) la vita politica del Paese. In Italia bastano un Mastella, un Bertinotti , un Casini o un Fini qualsiasi per mandare a carte quarantotto un governo che, al suo nascere, può contare su una maggioranza più che solida. Si è approvato, in prima lettura, l’Italicum ma, la sensazione più diffusa, è che sia una legge elettorale addirittura peggiorativa rispetto al vituperato Porcellum. Si sta cercando di modificare la struttura del Senato della Repubblica, ma anche in questo caso il grado di insoddisfazione della cittadinanza è palpabile: si sta consegnando un grande potere (anche legislativo su questione fondamentali per la convivenza civile) a rappresentanti dei consigli regionali che certamente non hanno dato prova di particolari virtù. I casi Fiorito, Renzo Bossi e Cota gridano vendetta. Quasi tutte le regioni hanno parecchi scheletri nei loro armadi. La magistratura se ne sta occupando da qualche anno. Renzi ha voluto abolire le provincie ma i risparmi dove sono? Avrebbe, a mio avviso, pretendere una riorganizzazione dello Stato su basi più ampie e proporre la creazione delle macroregioni, come suggerito anni addietro dalla Fondazione Agnelli. I risparmi sarebbero stati ben più consistenti. Com’è possibile tenere in piedi due regioni come la Valle d’Aosta ed il Molise che, insieme, non fanno gli abitanti di una media città italiana? Renzi deve accettare una guida collegiale del suo partito e non cadere nella trappola che gli sta tessendo Silvio Berlusconi in combutta con Angelino Alfano, i quali si stanno accordando per riunificare tutto quel che resta del centrodestra e alla luce del sole. Come mai non se ne accorge? Ha, evidentemente, cattivi consiglieri intorno a sé. Finirà come Mario Monti e come Enrico Letta. O fa le riforme che urgono al Belpaese o si prepari a fare le valige. Si rammenti che anche il prof. Monti ha goduto di una lunga, lunghissima luna di mele con i partiti e con l’elettorato si di centro sinistra che di centrodestra. Gli italiani ancora lo sostengono, ma possono anche all’improvviso decidere di voltargli le spalle. Sono creduloni sì, ma quando la misura è colma… Lo hanno già dimostrato parecchie volte. Va bene insistere sugli 80 euro, va meno bene sostenere che il suo governo non ha aumentato le tasse. La Tari e la Tasi che cosa sono? Matteo ha fatto tante (troppe) promesse. Il difficile è, adesso,  realizzarle. Enrico Letta (hastag Enrico, stai sereno…) si starà sbellicando dalle risa, perché il premier che lo ha defenestrato in modo brutale da Palazzo Chigi non ha ancora mantenuto una promessa che è una. Il Senato sta ancora lì. Ce ne vuole perché sia di fatto cancellato. La legge elettorale, uguale. Il Jobs Act, idem. Di presidenti del consiglio che hanno promesso mirabilie (non ultimo l’ex Cavaliere, disarcionato da … se stesso) per riportare il Belpaese ai grandi fasti del passato (ormai quasi remoto) ce ne sono stati molti. Lo stesso Mario Monti aveva incautamente parlato di “una luce in fondo al tunnel della crisi”. Siè visto come sono andate le cose. Come stanno andando le cose. Un sano scetticismo non guasta nell’ascoltare le parole del nostro premier. Renzi incominci a circondarsi di persone competenti e capaci e non solamente di belle statuine. Prima di lui lo aveva fatto Berlusconi e si sa come le cose sono andate a finire. Impari ad ascoltare chi vuole davvero bene al Paese. Eviti le rotture frontali e ascolti chi vuole il bene dell’Italia.

Marco Ilapi

Leggi tutto...

Le riforme più urgenti

Per arginare la discesa del prodotto interno lorodo, il premier deve ripartire alle riforme del lavoro, della pubblica amministrazione, della giustizia. Dalla revisione della spesa e dalla riduzione delle tasse. E tutto questo va fatto, non va detto. Perché dire non è la stessa cosa di fare. Non soltanto in Europa, ma ormai pure in Italia, che è il paese delle favole, alle favole non crede più nessuno. Così Marco Ventura su Panorama.

Renzi, datti una mossa

Leggi tutto...

Priorità per il governo a riduzione delle tasse

Matteo Renzi può puntare su due strategie per invertire la china discendente della nostra economia. La prima è coraggiosa: tagliare subito, e in modo permanente, le tasse sul lavoro di almeno due punti di Pil (cioè circa 33 miliardi l’anno, l’ipotesi in questo momento più ragionevole anche se si potrebbe pretendere di più) e al tempo stesso approvare tagli di spesa della medesima entità. Questo dovrebbe essere accompagnato da una liberalizzazione del mercato del lavoro (attuando il progetto del senatore Pietro Ichino) affinché la maggior domanda che si creerebbe possa produrre posti di lavoro «veri» e non solo precari perché l’articolo 18 spaventa gli imprenditori. Così Alberto Alesina e Francesco Giavazzi sul Corriere della Sera.

Renzi deve gettare il cuore oltre l'ostacolo

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS