La Cina di Xi vede lontano, aggredisce il Polo Nord

  • Pubblicato in Esteri

Oggi da Shanghai a Rotterdam, attraverso la rotta tradizionale del Canale di Suez, bisogna navigare per 48-50 giorni, con la via polare si scende a 33 giorni. Accorcerà di una settimana anche il viaggio che unisce Atlantico e Pacifico costeggiando Groenlandia, Canada e Alaska, rispetto al passaggio attraverso il canale di Panama. Navi cinesi hanno già collaudato entrambi le rotte. A fine maggio, il vice primo ministro russo Maxim Akimov ha annunciato che anche Mosca potrebbe unirsi al progetto di Pechino. Le interessanti considerazioni nel Data Room di Milena Gabanelli sul Corriere della Sera.

Il mondo litiga, la Cina di Xi mette le mani sul tesoro della Groenlandia

Leggi tutto...

Le nuove rotte dell'immigrazione

Chi vuole sfuggire al regime di Bashar al-Assad, nella martoriata Siria, studia ogni sistema praticabile pur di raggiungere l'Occidente Si va sperimentando anche la rotta del Polo Nord, che non è del tutto nuova. Se si leggono i post di profili Facebook che aiutano i siriani a fuggire dal Paese ed entrare in Europa, si nota che questa tratta era stata sperimentata già due anni fa, nel 2013. Nei post si possono trovare anche i costi del viaggio, che arrivano a decine di migliaia di dollari. In uno dei contenuti pubblicati sul profilo si parla di “difficoltà ad attraversare il confine tra Russia e Norvegia”. Il consiglio: comprare una mongolfiera per 14mila dollari e sorvolare la frontiera. Un articolo di Gianni Rosini su il Fatto Quotidiano.

Immigrazione, la difficoltà di bloccare un esodo biblico

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS