Trump ambiva al premio Nobel per la pace

  • Pubblicato in Esteri

Quando incontrò Kim nel lussuoso hotel Capella sull’isola-resort di Sentosa, Trump strinse la mano del dittatore per tredici secondi, gli diede una pacca sulla schiena e lo scortò sul sontuoso tappeto rosso. Kim era un reietto, probabilmente il peggior violatore di diritti umani al mondo, oltre che determinato a potenziare il suo arsenale nucleare. Eppure, Trump gli offrì una festa, inondandolo di complimenti e dichiarandosi onorato di essere in sua presenza. L’incontro fu minuziosamente allestito in modo da mettere entrambi i leader su un piede di parità, così da normalizzare l’autoritario Kim. Lo spettacolo era tanto stridente che anche il dittatore coreano ne colse la stranezza. Qualcuno lo sentì dire a Trump, attraverso l’interprete: «Saranno in molti a pensare che si tratti di una specie di fantasia... un film di fantascienza». Il commento di Philip Rucker e Carol Leoning su Linkiesta.

Gli Usa di Trump come in un reality

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS