L'Isis, caos Libia, non prendere le questioni sottogamba

  • Pubblicato in Esteri

Dopo la seconda guerra mondiale, le potenze sconfitte, Germania, Giappone, Italia sostituirono nel dopoguerra il «commercio» alla «spada», cominciarono a pensare alla politica internazionale molto più in termini di affari che di deterrenza e di minacce armate. E il «dialogo», sicuramente, aiuta gli affari più della deterrenza. Pur facendo parte di alleanze militari quei tre Paesi furono ben lieti di delegare ai soli Stati Uniti il compito di agitare periodicamente il bastone. Le considerazione del politologo Angelo Panebianco sul Corriere della Sera.

Perché occorre isolare Putin, dopi i fatti di Crimea e Ucraina

Leggi tutto...

Egitto, Libia, Siria, Iraq, Afghanistan, non c'è pace...

  • Pubblicato in Esteri

Mai come in questi giorni un osservatore non fazioso si rende conto che l'instabilità sta governando la Terra. Il mondo sembra avere il dito sul grilletto, afferma Franco Venturini sul Corriere della Sera. Il multipolarismo che abbiamo voluto è diventato disordine multipolare con esplosioni regionali. Ma la violenza si muove, e proprio come l’Isis non conosce confini. Forse dovremmo aggiornare le nostre priorità, e anche le nostre politiche.

Il mondo è in fibrillazione e l'Europa lo ignora

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS