Ue, dopo Brexit più povera, meno soldi per tutti

  • Pubblicato in Esteri

Con il budget di coesione dell'Unione Europea del 2014-2020, che ammontava a oltre 350 miliardi di euro, Polonia e Ungheria hanno ricevuto rispettivamente 77 miliardi di euro e 22 miliardi di euro, rendendoli i maggiori beneficiari dei fondi Ue, al quarto posto della graduatoria. E i Paesi contribuenti come Germania, Francia e Regno Unito, va detto, hanno fortemente sovvenzionato questa magnanimità. Un commento di Guy Verhofstadt su Il Sole 24 Ore.

L'Ue si svegli, niente soldi ai Paesi di Visegrad

Leggi tutto...

Senza gli eurobond l'Ue non ha futuro

Il Parlmento Europeo ha presentato quattro proposte. Le prime due riguardano il potenziamento e la trasformazione di entità economico-finanziarie già esistenti e la creazione della capacità di bilancio per la Uem mentre le due successive riguardano un codice di convergenza tra Paesi membri e il rafforzamento delle governance della Uem. L'editoriale di Alberto Quadrio Curzio su Il Sole 24 Ore.

L'Europa deve puntare ad una svolta, altrimenti muore

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS