Italia nel pantano libico, non sa scegliere

  • Pubblicato in Esteri

Il Presidente degli Stati Uniti si è pubblicamente avvicinato ad Haftar; quello della Turchia ha addirittura inviato un sostegno militare a Sarraj. Al che Conte e Di Maio — colti alla sprovvista e con l’evidente scopo di non essere del tutto estromessi dai giochi — si sono presentati sulla scena internazionale improvvisandosi come pacieri. E’ credibile l’Italia in questi panni? Editoriale di Paolo Mieli sul Correre della Sera.

Libia, i nostri politici non sanno che pesci prendere

Leggi tutto...

Italia incerta sul dossier libico (ne paga le conseguenze)

  • Pubblicato in Esteri

Propensa da sempre a oscillare tra velleitarismi autolesionisti e dolorose battute d’arresto come quella infertaci ieri dal non più «nostro» Fayez al-Sarraj, la politica estera italiana è chiamata a fare sulla Libia quel che raramente le è riuscito dopo la fine della Guerra fredda, che con la sua disciplina di blocco proteggeva gli esitanti. Il commento di Franco Venturini sul Corriere della Sera.

Il rebus del Belpaese, la Libia (che se la dividono turchi e russi)

Leggi tutto...

L'infinita tragedia libica, altri morti in mare

  • Pubblicato in Esteri

Mettiamo in fila qualche dato. Secondo l’Unhcr, tra il 2015 e il 2018 sono annegate nel Mediterraneo 15.544 persone partite dalla Libia. Giusto un anno fa, il giornale inglese The Guardian pubblicò una lista con i nomi e i cognomi di 34.361 persone annegate nel Mediterraneo nei vent’anni precedenti. Sono cifre, lo dicono tutti, approssimate per difetto. È ragionevole avanzare una stima, per gli ultimi vent’anni, di 50mila morti. Le 150 persone morte poche ore fa al largo della Libia sono solo un esempio, forse appena più clamoroso, delle innumeri tragedie che si sono consumate tra le onde e di cui nemmeno si è parlato. Il commento di Fulvio Scaglione su Linkiesta.

Libia, un intervento militare da parte dell'Ue per salvare i migranti

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS