Macron si prende l'Europa (e l'Italia sta a guardare)

  • Pubblicato in Esteri

La posizione assunta dall’Italia per quel che concerne le proposte per i vertici della nuova Commissione Europea, accodatasi al gruppo di Visegrad, rischia di essere suicida. Siamo uno dei Paesi fondatori, abbiamo il più alto interscambio con Francia e Germania, e sembra che ce ne siamo dimenticati. Non solo rischiamo di ottenere gli strapuntini nei posti chiave del governo europeo, (anche se, alla fine, il gioco dei compromessi e il peso specifico ci regaleranno qualche poltrona, vedi elezione di David Sassoli), soprattutto perchè abbiamo un disperato bisogno di ottenere sostegno su questioni cruciali come l’immigrazione e il debito pubblico. Ed è folle attenderci favori da Budapest o da Varsavia. Il commento di Massimo Nava sul sito Linkiesta. 

Nuova Ue, l'Italia sovranista con le ossa rotte, vince l'odiato Macron

Leggi tutto...

Nomine Ue, stallo a Bruxelles

  • Pubblicato in Esteri

Sembra un conclave a tutti gli effetti: telefoni spenti, zero comunicazioni con l’esterno per evitare fughe di notizie, dentro ci sono solo i leader senza sherpa e senza portavoce, seduti intorno a un tavolo a scervellarsi per trovare un accordo su chi guiderà l’Ue in questa legislatura. Mentre scriviamo, mentre inizia con oltre 3 ore di ritardo la cena di lavoro del terzo consiglio europeo dopo il voto di maggio, a Bruxelles l’aria sa già di fallimento anche stavolta. Il comment di Angela Mauro su Huffington Post.

Il litigio sulle nomine Ue, Italia in un angolo

Leggi tutto...

Ue, dove ognuno è populista a modo suo

  • Pubblicato in Esteri

Alla fine, e a soli 64 anni, è il corpo che ti frega. Non come persona, perché Angela Merkel farà le cure che servono e starà bene. Ma come figura, come emblema di una politica e di uno stile. Mezza Kanzlerin, ovvero funzionaria al servizio dell’interesse collettivo, e mezza Mutti, ovvero massaia grigia e affidabile, e perciò politica dei record e dei quattro mandati di governo, Angela non può tremare. E invece lo ha fatto. Vistosamente. Clamorosamente. Il commento di Fulvio Scaglione su Linkiesta.

Senza la Merkel, l'Ue si inabissa

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS