Trump vittima di una persecuzione politico-giudiziaria?

  • Pubblicato in Esteri

La battaglia di Trump per tornare in corsa per le presidenziali del 2024

«Trump non è vittima di persecuzioni politiche», ha scritto Graham sull’Atlantic. «Un principio fondamentale del diritto americano è che nessuno, nemmeno il presidente, tanto meno l’ex presidente, è al di sopra della legge e se commette crimini deve risponderne» (...) «Il procuratore generale Merrick Garland sembra finalmente poter perseguire Trump per il tentato colpo di Stato che lui e i suoi co-cospiratori hanno cercato di organizzare dopo aver perso le elezioni presidenziali del 2020: l'elenco delle accuse penali potrebbe includere cospirazione sediziosa, cospirazione per frodare gli Stati Uniti e ostruzione dei procedimenti ufficiali. Le scelte di Garland nei prossimi mesi avranno conseguenze importantissime, soprattutto perché dovrebbe ricordare a tutti che nessun presidente è al di sopra della legge». Il commento di Alessandro Cappelli su Linkiesta.

Leggi tutto...

Tre donne cercano di salvare la democrazia americana

  • Pubblicato in Esteri

Le donne salveranno la democrazia americana?

Cassidy Hutchinson, che lavorava alla Casa Bianca, testimone per i fatti drammatici di Capitol Hill, ha riferito che Trump avrebbe voluto raggiungere personalmente Capitol Hill durante l’assalto e che gli uomini della sicurezza avrebbero provato ad accontentarlo, solo alla fine decidendo di soprassedere: «Sono il fottuto presidente, portatemi là!», sarebbe sbottato Trump, afferrando il volante di The Beast, l’auto blindata presidenziale, in una scena da “Dottor Stranamore”. Il commento di Stefano Pistolini sul sito Linkiesta.

Leggi tutto...

Le ambiguità di Giuseppe Conte su Putin

Giuseppe Conte, in un’intervista al Corriere della Sera, ha risposto a una domanda sull’imbarazzante sfilza di alte onorificenze conferite dai suoi due governi (mica una solo) al fior fiore dell’oligarchia putiniana. Compresi soggetti nel frattempo colpiti dalle sanzioni, e compreso persino quello stesso Alexei Paramanov che in questi giorni ha apertamente minacciato il nostro paese, prendendo di mira il ministro della Difesa Lorenzo Guerini. Il commenti di Francesco Cundari su Linkiesta.

Le strane amnesie di Giuseppe Conte

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS