Gli Usa contro l'Iran, i rischi di guerra aumentano

  • Pubblicato in Esteri

Attenzione, i contagi potrebbero diventare epidemia. E nel frattempo tutti gli occhi restano fissi su Teheran, su quale risposta, in aggiunta alla «libertà nucleare», che l’Iran vorrà dare alla morte di Soleimani. Sarà una risposta da guerra totale, oppure una serie di gesti ostili, necessari sul fronte interno ma non irrimediabili nel braccio di ferro con il Grande Satana? Trump aspetta, e intanto prova a disegnare una strategia. Il commento, avvertito, di Franco Venturini sul Corriere della Sera.

L'Iran, grazie a Trump, protagonista sulla scena mediorientale

Leggi tutto...

Europa svegliati o è la fine del sogno di Spinelli

  • Pubblicato in Esteri

Mentre l’oscurità delle dietrologie prevale condizionando le relazioni internazionali, dagli errori madornali del passato, è salita una marea nera che sta portando a galla il rancore e la doppiezze del trumpismo. Ad arginare oggi questa onda melmosa è chiamata l’Europa, una e indivisa. Il trionfo di Trump copre le grida degli ultimi, degli oppressi e degli sfruttati. L'editoriale di Alfredo De Girolamo ed Enrico Catassi sul Messaggero Veneto.

 

degli oppressi e degli sfruttati. La trumpmania è figlia della degenerazione del capitalismo, è l’inizio di un lento suicidio dei rapporti all’interno della società moderna

La vecchia Europa tra le grinfie di Trump e Netanyahu

Leggi tutto...

Guerra all'Isis, in campo anche la Russia

  • Pubblicato in Esteri

Putin è politico fine e stratega dalla visione ampia. Una diversità radicale dai suoi omologhi occidentali, soprattutto dal miope e perennemente indeciso Obama. E ha visto chiaramente nella crisi siriana una grande opportunità per scompaginare i giochi degli equilibri internazionali e dare finalmente al Cremlino quel ruolo determinante nel Mediterraneo cui ha sempre ambito, senza mai ottenerlo né al tempo degli Zar, né al culmine della potenza sovietica. Infatti, prima di muovere le sue truppe, Putin ha tessuto una complessa rete di relazioni con Egitto, Turchia ed Israele in prima fila; una rete destinata a sortire effetti ben oltre i limiti temporali dell’attuale contingenza siriana. Un articolo di Andrea Marcigliano -  su il Giornale.

Isis, entra in campo Vladimir Putin

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS