Assad e Makhlouf, i parenti serpenti di Damasco

  • Pubblicato in Esteri

Nel 1957 Hafez al Assad, un giovane ufficiale dell’aeronautica siriana originario degli altopiani, sposò una ragazza della Siria costiera, Anisa Makhlouf. La loro era una coppia ben assortita: Assad era ambizioso e i Makhlouf erano potenti. E infatti, dopo che Assad prese il potere con la forza nel 1970, i due clan hanno amministrato il paese come un’azienda a conduzione familiare, garantendo un posto di primo piano agli alawiti, i seguaci di una versione esoterica dell’islam, professata da entrambe le famiglie. Il commento su Internazionale, ripreso dal settimanale londinese The Economist.

La polveriera siriana

Leggi tutto...

Siria, chi combatte contro i Curdi?

  • Pubblicato in Esteri

Sulla “guerra di Erdogan” si rovesciano fiumi d’inchiostro, ma con effetti addirittura risibili. Il grande pubblico non ci capisce letteralmente nulla. A causa di tre effetti. Il primo è l’ipocrisia di chi racconta questa guerra. Il secondo è la difficoltà oggettiva di capire cosa in effetti sta accadendo “sotto il tappeto”, che è la cosa più importante. Il terzo è il disegno di usare questa guerra per rilanciare ancora una volta la propaganda contro la Russia e dirottare l’attenzione dai reali interessi in gioco. Il commento di Giulietto Chiesa su il Fatto Quotidiano.

Siria, quella sporca guerra del sultano di Ankara

Leggi tutto...

Erdogan minaccia l'intero Occidente

  • Pubblicato in Esteri

Bashar Al Assad si schiera contro Erdogan, lo scontro si estende dai 35 chilometri a Sud della Siria lungo la frontiera (rivendicati come «zona cuscinetto» dalla Turchia), a un terzo della Siria. Al patto delle forze curde con Damasco, il presidente turco ha annunciato che la sua avanzata si può allargare a 450 chilometri, attraverso i centri curdi di Hassakeh e Kobane. Fino in prospettiva alle ex roccaforti dell’Isis di Raqqa e Deir Ezzor, da poco liberate dalle Syrian democratic forces (Sdf) guidate dai curdi e sostenute dalla Nato. Grazie ai rinforzi di Assad, le brigate Ypg del Rojava puntano a riconquistare il cantone a Ovest di Afrin occupato dai turchi dal 2018.

Medioriente di fuoco, grazie ad Erdogan! Il mondo trema

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS