Se anche la Germania rischia...

  • Pubblicato in Esteri

Crollo dei socialdemocratici (Spd) alle legislative del 2017. La discesa continua alle europee. I Verdi crescono e diventano il secondo partito. Anche la Cdu di Angeal Merkel arretra. Tutti in Germania si chiedono quanto vivrà ancora il governo di larghe intese tra socialdemocratici e conservatori. Di pancia, nessuno crede potrà reggere fino al 2021. L'interessante commento di Barbara Ciolli sul sito Lettera43.

La Germania il malato dell'Europa? La Merkel vacilla

Leggi tutto...

L'Europa non vuole risollevarsi, tanti gli errori

  • Pubblicato in Esteri

Sono tanti i dati economici e le ragioni politiche che testimoniano a favore di questo sistema che ritengo che i politici sarebbero impiegati meglio se credessero nella capacità di imparare delle persone piuttosto che giustificare la loro rinuncia a plasmare politicamente il futuro con un rassegnato rinvio alle forze sistemiche inalterabili. La carriera di Angela Merkel, con lo stop all’energia nucleare e la sua pionieristica politica verso i rifugiati, offre due notevoli contro-esempi alla tesi secondo la quale non c’è spazio per la manovra politica. L'intervista al filosofo Jürgen Habermas sul sito Vox Europ. 

Un'Unione Europea mai nata

Leggi tutto...

Ue, l'Italia conta sempre meno

  • Pubblicato in Esteri

Per capire l’isolamento italiano in Europa basta una locuzione latina. Dum Romae consulitur, Saguntum expugnatur, mentre a Roma si discute, Sagunto viene espugnata. Ovvero mentre i senatori romani discutevano su come fermare Annibale, il generale cartaginese conquistava la città di Sagunto. Lo stesso accade in Europa. Mentre a Bruxelles si gioca la partita delle nomine più importanti delle istituzioni europee, dal presidente della Commissione europea a quello della Banca centrale, l’Italia si guarda l’ombelico per capire se il governo gialloverde andrà avanti o meno, rassegnandosi al ruolo di comprimario. E invece, a guardar bene, si nota qual è la vera partita in campo. Il presidente francese Emmanuel Macron da settimane sta spezzando quel poco che resta dell’asse italo-tedesco e cercare di spartirsi con la Germania le cariche più importanti, invitando al tavolo la Spagna a spartirsi il bottino. E l’Italia che potrebbe infilarsi nello stallo tra Merkel e Macron l'appoggio per  alla Bce in cambio di un commissario importante, sta a guardare. Il commento di Andrea Fioravanti sul sito Linkiesta.

 A Bruxelles si fanno le nomine più importanti, l'Italia sta a guardare

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS