I «ladri di terre» si mangiano pezzi di Amazzonia brasiliana

I «ladri di terre» si mangiano pezzi di Amazzonia brasiliana

Amazzonia, la ruberia delle terre da parte di speculatori

In Amazzonia sussiste un ecosistema fragile su cui, in vari periodo dell'anno, si possono ammirare uccelli di specie rarissime. Per questo, l'area è protetta a livello internazionale dalla Convenzione di Ramsa: solo l'agricoltura familiare è consentita. Ciò non ha impedito che, nel 2017, fosse occupata da 4 fazendeiros che l'hanno recintata impedendo l'accesso ai contadini. I pascoli si sono riempiti di bufali, senza che le autorità muovessero un dito nonostante le segnalazioni delle 40 famiglie di Cedro, alla periferia di Ararí. Esasperate dopo due anni di inerzia, queste ultime hanno iniziato a rimuovere le recinzioni, finendo denunciate a loro volta per «atti vandalici» e portate di fronte ai giudici. Il commento di Lucia Capuzzi su Avvenire.