L’insurrezione trumpiana all’ordine del giorno. E in Italia?

L’insurrezione trumpiana all’ordine del giorno. E in Italia?

Per la stampa americana (...) è ormai assodato che il 6 gennaio del 2021 l’assalto a Capitol Hill è stato parte di un vero e proprio tentativo di sovvertire l’esito del voto, ed è altrettanto evidente che Trump e i suoi sostenitori, cioè, di fatto, il partito repubblicano, sono già al lavoro per riprovarci al prossimo giro (...) Da noi a molti non è chiaro cosa abbiamo scampato, per un soffio, negli ultimi anni, e dove rischiamo di andare a finire domani. Specialmente se un insieme di malriposte ambizioni e ingiustificati sogni di gloria dovessero far scoppiare quella bolla di razionalità e ragionevolezza già all'inizio del nuovo anno, ripiombandoci nello status quo ante. O peggio. Il commento di Francesco Cundari su Linkiesta.

Stati Uniti, il populismo di matrice trumpiana non è morto