Biden sogna un'alleanza forte tra le democrazie

Biden sogna un'alleanza forte tra le democrazie

Con la missione di Biden nel Vecchio continente (non casualmente la prima all’estero dalla sua entrata in carica lo scorso gennaio) il successore di Donald Trump alla Casa Bianca, oltre a fornire un segnale di manifesta discontinuità con l’approccio improntato al “disimpegno” e al bilateralismo business-oriented tipico del suo predecessore, ha inteso confermare la volontà della sua amministrazione di rivitalizzare il legame con i tradizionale alleati degli Stati Uniti su questo lato dell’Atlantico. A cominciare, dato non trascurabile, dal Regno Unito post Brexit come testimoniato dall’incontro di esordio: il bilaterale con Boris Johnson in un’ottica volta a sottolineare che la special relationship angloamericana ha ancora dei bei giorni davanti a sé e che a tale rapporto privilegiato anche l’amministrazione Biden assegna particolare importanza... Il commento dell'ambasciatore Gabriele Chiecchia su Formiche.

Si deve scegliere tra democrazia ed autoritarismo, tra Occidente e il duo Xi-Putin