L'Italia non ha una sua politica estera comprensibile

L'Italia non ha una sua politica estera comprensibile

Matteo Salvini e Luigi Di Maio non hanno torto nel far notare che il buonista Macron i migranti li respinge, a migliaia e senza pietà, alla frontiera di mare (Ventimiglia) e di montagna (Bardonecchia). E non hanno torto i pentastellati quando criticano la politica della Francia in Africa, costruita per favorire gli affari francesi e penalizzare quelli africani. Per non parlare poi della Libia (la Francia dovrebbe inginocchiarsi sui ceci per le tante porcherie fatte o ancora in corso), della Tav (che il Governo nostro attuale, soprattutto nella componente pentastellata, vorrebbe bloccare a costo di smentire accordi presi in passato), del “caso Battisti” (con la polemica, accesa da decenni, sui terroristi italiani che bevono champagne oltralpe) e delle beghe occasionali tipo Fincantieri o Alitalia che sempre spuntano tra Paesi vicini e da lungo tempo in affari, una cosetta da 80 miliardi l'anno. Il commento di Fulvio Scaglione sul sito linkiesta.

La guerra Italia-Francia continua