Quel bollettino ci dia di più

Il primo bollettino della Protezione Civile sul coronavirus arrivò a sorpresa il 22 febbraio. Fu in occasione della conferenza stampa shock del presidente del Consiglio Conte, del ministro Speranza, e del presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Brusaferro, che alle 11 e un mezzo di sera annunciavano le prime zone rosse.…
Leggi tutto...

Se manca un destino comune

Un decreto inafferrabile e mutante come una creatura esoterica. Viene annunciato, ma fino a sera non esisteva. O meglio, è assemblato un mattoncino alla volta, come il Lego. E sarà diverso — integrato, cucito e ricucito — da quello descritto a grandi linee, molto a grandi linee, dal presidente del…
Leggi tutto...

Come tornera' il mondo aperto

La democrazia è una storia di assembramenti. Nell’Europa moderna comincia quando in Francia i rappresentanti del Terzo Stato decidono di riunirsi da soli e si proclamano Assemblea nazionale. La parola «assemblea» viene dal verbo «assembler», che vuol dire «riunire», «assembrare». Da allora i Parlamenti si radunano fisicamente per discutere e…
Leggi tutto...

Il passo storto del mondo

La tragedia del coronavirus sta interessando l’Italia ancor più che gli altri Paesi europei e qui da noi è concentrata soprattutto nelle regioni del Nord. Abbiamo per fortuna un presidente del Consiglio che ha il senso dello Stato, confortato dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Ieri è stato un altro…
Leggi tutto...

La guerra d'attrito anti-Covid 19

Con oltre 53 mila contagiati e 4825 vittime l'Italia è il primo campo di battaglia della sfida globale alla pandemia del coronavirus. Ciò significa che quanto avviene da noi nella lotta al Covid-19 ha un valore che va ben oltre le frontiere nazionali. La campagna italiana ha tre dimensioni: sanità,…
Leggi tutto...