Il dovere di una riflessione muta

Vedo appesi a balconi e finestre cartelli con la scritta perentoria «tutto andrà bene», addobbata spesso di soli sfavillanti e fiori variopinti; disegnati, mi sembra, dalla mano di bambini, un espediente per interrompere la noia delle giornate chiusi in casa. All'ora fissata scattano in città e paesi le note di…
Leggi tutto...

"Tocca al Parlamento decidere sui limiti alle libertà personali"

Finora se ne è parlato poco, sottovoce, ma l'emergenza Coronavirus, è un vero è proprio "stress" test per la democrazia. Una situazione mai vista prima, addirittura il Parlamento costretto a lavorare il minimo indispensabile. E proprio dal Parlamento partono i ragionamenti di alcuni dei più eminenti costituzionalisti italiani: le Camere…
Leggi tutto...

Una promessa. Non ci sarà alcun oblio

È sempre più frequente il ricorso alla parola «guerra». L’ha usata Macron nel suo discorso alla nazione, la ripetono i politici, i giornalisti e i commentatori, la scelgono i medici. «Siamo in guerra», «è come una guerra», «prepariamoci alla guerra». Ma non è così, non siamo in guerra. Siamo nel…
Leggi tutto...

La prima vera guerra mondiale

Di nuovo, vedendo le bare caricate sui camion militari verso la cremazione senza sepoltura civile, ci siamo tutti domandati se questa sia davvero "la terza guerra mondiale", che è la più usata delle metafore. E dico subito che semmai è la prima volta di tutto il mondo in guerra, nessuno…
Leggi tutto...

La resa di New York

Chiusi uffici e negozi La capitale del mondo cade sul fronte del virus. Ora il mondo si è fermato davvero: di colpo si arrende anche New York. Times Square si è svuotata, la piazza più frenetica del pianeta è semideserta, le sue enormi pubblicità luminose continuano a brillare per una…
Leggi tutto...