Con Renzi l'Italia sta facendo passi indietro

Siamo nelle mani di dilettanti allo sbaraglio, furbissimi nel fare i propri affari e quelli dei propri parenti vicini e lontani, cinici quanto basta per massacrare di tasse i cittadini e non fornire loro neppure i servizi decenti più elementari. Se non ci fosse da piangere, ci sarebbe da ridere di fronte a tale parata di cialtroni. L'editoriale di Piero Ostellino su il Giornale.

L'Italia non cresce per le troppe tasse

Leggi tutto...

Renzi rottama i nemici e premia gli amici

Ultra settantenni richiamati come “commissari” a 500 euro al giorno, infilati dai partiti nei collegi sindacali, negli organismi di vigilanza e nelle commissioni di gara e concorso. La riforma Renzi-Madia che doveva garantire il ricambio nelle pubbliche amministrazioni è stata svuotata a suon di eccezioni per eludere i suoi stessi divieti e lasciare mani libere alla politica delle nomine. L'articolo di Thomas Mackinson su Il Fatto Quotidiano.

Niente rottamazione per alcuni dirigenti pubblici,anzi...

Leggi tutto...

Cresce l'astensione, allarme nel Palazzo

La rottamazione si ferma a Roma. L'altroieri ai gazebo sono andati quasi in 40mila e per un voto che lo stesso vice-segretario Guerini ha considerato dall'esito «scontato». Dunque, senza una vera competizione. Il punto però è anche il criterio con cui è stata scelta la candidatura di Alessandra Moretti, designata dal leader come capolista per il Nord-Est per il Parlamento Ue e dopo sei mesi dirottata sul Veneto. Delle due l'una. O Renzi non considera importante l'Europa nonostante i suoi ultimatum a Juncker. O nel partito si ragiona come una volta e i candidati vengono usati alla bisogna, senza alcuna selezione sulla base delle competenze, tant'è che Bruxelles o Venezia pari sono. Così Lina Palmerini su Il Sole 24 Ore.

Pd, flop alle primarie regionali, occorre riflettere seriamente

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS