Il reddito di cittadinanza che non lo era

Il reddito di cittadinanza è una delle tante truffe ordite dai Cinquestelle ai danni degli italiani. Non tanto e non solo perché non ha abolito la povertà come loro stessi avevano annunciato in una notte di stampo sudamericano da un balcone di Palazzo Chigi e nemmeno perché è stato affiancato da scemenze tipo i navigator e i software importati nientemeno che dal Mississippi e e neanche perché mette qualcuno nelle condizioni di scegliere cinquecento euro cash dallo Stato per non fare niente invece di mille euro da un privato per lavorare. Il commento di Christian Rocca su Linkiesta.

La sfida di settembre, modifica del reddito di cittadinanza grillino

Leggi tutto...

Aspro confronto tra Cina e Stati Uniti, l'Italia nel mezzo...

  • Pubblicato in Esteri

Quelle con la Cina sono le più complicate tra «le relazioni che abbiamo a livello internazionale» e che quest’ultima va trattata contemporaneamente come «un avversario, un rivale e un partner» (...) L'Italia di Mario Draghi è accreditata come solidamente atlantica ed europeistica. Lo era anche la Dc: durante la guerra fredda, Roma era considerata l'alleato più sicuro di Washington in EuropaIl commento di Agostino Giovagnoli su Avvenire.

Incontro tra i presidenti di Usa e Cina forse a Roma ad ottobre

Leggi tutto...

Incontro tra il giustizialista Di Maio e i socialisti europei

  • Pubblicato in Esteri

ll Partito democratico ha pensato di officiare lunedì a casa sua una grossa riunione politica buona tra l’altro per far incontrare sulla splendida terrazza nazarena i capi del Partito socialista europeo e l’ex leader di quel Movimento 5 stelle che dopo le europee cercò invano casa nel gruppo xenofobo e antieuropeista di Nigel Farage e che da mesi brancola fra i corridoi del Parlamento europeo alla caccia di un gruppo che se lo raccatti. Niente fascisti, niente verdi, niente liberali: proviamo con i socialisti, grazie al fatto che il Pd ne è autorevole membro, per volontà – tu guarda l’ironia della storia – del reprobo dei reprobi Matteo Renzi. Il commento di Mario Lavia su Linkiesta.

I Cinquestelle nel Partito di Mitterrand e Schmidt? Una grande bestemmia!

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS