L'immunità del gregge

Tempo fa, siccome mi serviva per un articolo, ho cercato su Google il prezzo di un modello di Rolex. Per sei mesi, non appena aprivo Internet, mi sono arrivate irrinunciabili offerte di Rolex. Volevo scrivere grazie, siete di molto gentili, però io non ho bisogno di un Rolex. Ma non sapevo a chi scrivere, finché quel qualcuno o qualcosa che aveva intercettato il mio interessamento ai Rolex non si è arreso. Adesso cercano di vendermi dischi di Glenn Gould, appartamenti a Manhattan, scarpe chiodate (forse inavvertitamente ho cliccato su una pubblicità di scarpe chiodate). Questo è quanto sanno di me, e me lo dicono, e chissà quanto altro sanno senza dirmelo. Ora siamo comprensibilmente perplessi per Immuni, la app da scaricare solo se si vuole (ma non è così vero, perché chi non vuole non potrà spostarsi liberamente) di modo che il governo tracci la nostra storia clinica e i nostri movimenti, e amministri la fase due scongiurando una ripresa dell'epidemia. Probabilmente ci fa paura che sia un'incombenza di Stato, ma ho il sospetto che se la app fosse stata lanciata da Facebook o da Apple come l'ultimo ritrovato della modernità per proteggere sé e gli altri, l'avremmo fatta nostra con lo spirito di chi vive col Sole in fronte. Sarebbe bello se si avviasse una discussione all'altezza dell'enormità della faccenda, e cioè su quanto siamo disposti a cedere della nostra segretezza, e dunque della nostra libertà, in cambio di una vita sicura e comoda, ma non si vuole sembrare spericolatamente ottimisti. Quando proporranno la app che segnala i debitori o i pregiudicati o i tossicodipendenti, sarà un passo in più del gregge verso l'ovile.

Mattia Feltri – La Stampa – 21 aprile 2020

Leggi tutto...

I disastri dei demagoghi

Nel maggio 2017 uno dei più autorevoli periodici europei, Der Spiegel, pubblicava un pesante e profetico giudizio sul neo presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Fra le definizioni usate vi erano quelle di essere “incapace di essere presidente…”; “Egli non legge. Non si preoccupa di leggere dossier importanti e conosce poco degli argomenti da lui identificati come priorità. Le sue decisioni sono capricciose e sono prese sotto forma di tirannici editti”...; “Gli USA hanno eletto come presidente un buffone e sono ora succubi di uno scherzo di uomo. Il Paese è, come ha recentemente scritto David Brooks del New York Times, succube di un bambino”; egli è un misero politico..un misero capo…un pericolo per il mondo…”.

    Se i comportamenti del presidente americano riguardo a una miriade di eventi hanno ampiamente confermato i suddetti giudizi, quelli riguardanti l’epidemia di Covid 19 li rendono ancora più tragicamente profetici e ancora più inquietanti.

    Un mese fa egli affermava con disinvoltura che gli USA sono ”totalmente preparati..tutto è sotto controllo..il virus è come un’influenza..vi sono 15 infetti, che  probabilmente saranno due o tre nei prossimi giorni e magari il virus sparirà del tutto.” Queste affermazioni erano dettate dal suo “istinto”. Una decina di giorni dopo affermava di “non essere per niente preoccupato”. Dichiarava che in fondo erano stati registrati solo 240 casi e 11 morti e che il virus era una “hoax” (frode) del partito democratico ingrandita dai mass media.

    Contrariamente a tali fantasiose e distorcenti proiezioni, il virus non si è volatilizzato, i contagi registrati ovvero noti sono ormai 100.000 e il numero di morti è salito a circa 1700. Con un sistema sanitario carissimo, organizzato per pochi privilegiati e del tutto impreparato ad emergenze e assistenze di massa, nonostante l’Obamacare, gli unici che reagiscono con buon senso  sono i governatori dei vari Stati, che cercano di fronteggiare la crisi in maniera autonoma, dati i ritardi e le indecisioni del governo federale. Imperterrito, qualche giorno fa, il Presidente americano ha comunque affermato che bisogna ritornare al lavoro presto, magari per Pasqua. Sempre sulla base del suo “feeling”, inoltre, i 40.000 ventilatori implorati dal governatore di New York, Cuomo, gli sembravano eccessivi. Ribadendo che egli e i suoi collaboratori stanno facendo "un incredibile lavoro", egli ha anche  affermato che si stanno costruendo ospedali “in 3 giorni e mezzo”(sic). In realtà, come ha dichiarato proprio negli stessi giorni il Generale Todd Semonite, comandante in capo del corpo ingegneri dell’esercito, “è impossibile costruire un ospedale in un paio di settimane”. Come dire, un’altra incredibile e disinvolta diffusione di falsità.    

      Queste e altre simili irresponsabili stravaganze sono ineffabilmente partorite in contesti a loro volta non meno sconcertanti per leggerezza e stupidità. Tutti hanno notato che le conferenze del governo cinese e di quello sud-coreano in merito al Covid 19 sono state tenute con gli astanti debitamente lontani fra loro e muniti di mascherina. I briefings della Casa Bianca e il recente regalo di penne a uno stuolo di docili presenti per celebrare la firma di un decreto mostrano invece individui, Presidente incluso, a stretto contatto di gomito (o quasi di guancia) fra di loro e senza mascherine… Il contrasto fra il crescendo esponenziale dell’epidemia e l’inadeguatezza del sistema e delle strutture sanitarie, da una parte, e questa sequenza di velleitarie mistificazioni  dall’altra non potrebbe essere più clamoroso. Visto il trend esponenziale del contagio e dei morti, gli USA rischiano di pagare un prezzo altissimo per il ritardo, l’ostinazione e le millanterie di un uomo.

     Le stesse considerazioni possono essere fatte per i loro cugini sull’altro lato dell’Atlantico. Assieme alle disinvolte proiezioni johnsoniane circa le famigerate “immunità di gregge”, vanno qui menzionate le sue imperturbabili dichiarazioni di non molti giorni fa, quando egli ha affermato di stringere tutti i giorni senza problemi  decine di mani (naturalmente, senza guanti e maschera). Nel frattempo,  continuavano e continuano a funzionare le metropolitane con i vagoni stipati di persone, la maggior parte senza protezione alle mani e al viso.

     Per una sorta di impietosa nemesi, il Primo Ministro britannico Boris Johnson, il Segretario alla Sanità Chris Whitty, e anche il ministro della Sanità Nadine Dorries, risultano ora essere positivi al virus. Supposto anche che si tratti di nemesi e senza augurar loro di passare le forche caudine dell’immunità di gregge, il fatto non costituisce una consolazione. Anche in questo caso, la leggerezza, il dilettantismo e caparbia ostinazione di pochi individui nel sottovalutare l’epidemia sono una delle cause fondamentali della rapidità con cui essa si sta diffondendo in tutta la Gran Bretagna. Le precipitose misure restrittive di questi giorni avvengono con almeno tre settimane di ritardo durante le quali l’ininterrotta promiscuità sociale deve avere disseminato un numero non quantificabile di contagi.

     I due comportamenti “atlantici” sopra citati non sono evidentemente gli unici responsabili del caos attuale, ma è impossibile sottovalutarne i perniciosi contributi, il loro effetto catalizzante. Quando Marx e i suoi seguaci coltivavano il farraginoso castello dei mezzi e sistemi di produzione come motori della storia, stavano evidentemente sottovalutando l’insostituibile ruolo degli individui nel provocare disastri o nel non saperli fronteggiare con buon senso. Che poi a tutto ciò si aggiungano in questi giorni, specie in Europa, le tensioni, le tendenze disgregatorie, le miopie e gli egoismi nazionali è in fondo un déjà vu di tristi memorie.

     In un’epoca straripante di teorie cospiratorie, i momenti attuali favoriscono evidentemente galoppanti fantasie di biechi piani di origine russa o cinese di accerchiamento dell’Occidente (ovviamente “anglosassone” con succube damigelle mediterranee di contorno). Il vittimismo e i capri espiatori sono la tipica arma degli ignavi e degli scaricabarile. Mai come in questo momento dovrebbe apparire chiaro come la coesione dell’Europa, minata oltre che dall’epidemia anche dalla diminuzione delle nascite, dalla strisciante invasione islamica e dalla mitomane fuga britannica, parzialmente soggiogata da pretestuose protezioni militari Nato, sempre più dimentica delle sue tradizioni e della sua storia culturale, drogata da un sistema di informazioni di massa che alleva e livella stuoli d’imbecilli, ammalata di pseudo-pietismi e bonomie condite di ignoranze caprine, insomma l’eredità dell’Europa (ovviamente, per chi ci crede) mai è stata altrettanto minacciata.

    Il déjà vu non è del resto solo di natura politica o diplomatica. Lo scenario ricorda sotto molti punti di vista altre simili atmosfere di isteria religiosa e non. Mentre in Italia l’ex Premier Renzi appare in sintonia di facilonerie criminose  con Donald Trump, rivendicando anche lui la necessità di ritornare al lavoro quanto prima anche a costo di convivere col virus “per anni “(sic) – per coerenza dialettica, dovrebbe porsi il quesito se lui apparterrebbe alla categoria dei sopravvissuti – non è che manchino anche gli untori di manzoniana memoria. I canali TV che hanno ammorbato impuniti per decenni i salotti e le cucine di intere generazioni con demenziali giochi e trasmissioni di-tutto-un po’ ora ammanniscono compunti pluri-giornalieri resoconti di scamiciati che cantano dai balconi, rubando la trama alle storie più edificanti. Anche le sciagure e le storie più patetiche si prestano insomma allo spettacolo. Non a caso, del resto, i presentatori anglosassoni chiamano show i loro programmi. C'è da chiedersi come mai, assieme ai ristoranti e ai bar, non mettano in quarantena domiciliare sine die anche il petulante manipolo di sussiegosi (e inutili) conduttori e conduttrici.

    L’aura religiosa serpeggia infine dai pubblicisti fino a San Pietro. Mentre c’è chi cerca misteriosi rimedi nelle lettere di San Paolo, il Papa promette indulgenze liberatorie collettive ai malati in primis. Non si sa se perché sono in pericolo di vita o perché hanno più peccati da scontare. Il salvataggio delle anime peccatrici rimane comunque l’obiettivo di fondo. Siamo in pieno medio evo. Ma se dall’empireo delle salvezze spirituali si scende sulla più prosaica vita quotidiana, si scopre che nessuno sa esattamente come e cosa fare. Le circolari e i decreti si moltiplicano, le maschere sarebbero e non sarebbero sempre necessarie, i servizi postali si sono arenati, i servizi pubblici lavorano a singhiozzo o al rallentatore e un intero sistema di pseudo-efficienze arranca. Il congelamento delle attività produttive sembra aver contagiato anche i gangli dello Stato, salvo la polizia e l'esercito che raccoglie bare.

   Solo colpa dell’epidemia o la malattia esisteva già ben prima che il virus apparisse?

Antonello Catani, 28 marzo 2020

    

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS