L'Ue sta rischiando di fare passi indietro

Renzi non vuole la Federazione, non vuole che i governi nazionali siano declassati, non vuole gli Stati Uniti d'Europa. E questa è la natura profonda del conflitto in corso a Bruxelles. Il governatore d'uno qualunque degli Stati americani non potrebbe dire la frase: "Non andrò a Washington con il cappello in mano", per la semplice ragione che quel cappello, che sia in mano o in testa, non esiste. Il governo degli Stati Uniti d'America sta a Washington e non altrove e il suo interlocutore politico è il Congresso, composto da una Camera di Rappresentanti e da un Senato.  L'editoriale di Eugenio Scalfari su la Republica.

Palazzo Chigi aggredisce Bruxelles

Leggi tutto...

Ue, l'Italia conta sempre meno

Ancora due anni fa a Bruxelles avevamo sette direttori generali in commissione, cioè i posti che contano: grossomodo stessa quantità, e, soprattutto qualità simile a quella degli altri grandi Paesi, Germania, Francia, Gran Bretagna. Tra pensioni e passaggi ad altri incarichi, oggi siamo scesi a quattro: abbiamo perso le Dg Affari interni, Fondi regionali e Allargamento. Gli altri Paesi invece gongolano. L'Italia conta sempre meno in Europa. Renzi ha un compito difficile. Così Adriana Cerretelli su Il Sole 24 Ore.

La dura sfida di Renzi per Bruxelles

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS