Medio Oriente sempre più nel caos

  • Pubblicato in Esteri

In Medio Oriente prende forma il primo vero cambiamento di alleanze dopo la Guerra Fredda, con gli Usa quasi fermi, l’Isis che corre, l’Iran che tende due mani all’America, l’Arabia Saudita che si emancipa in odio all’Iran, Israele che assiste sempre più inquieto, l’Europa che è incapace di entrare davvero in partita? La cornice, certo, è la lotta inter-islamica tra sunniti e sciiti. Ma le onde d'urto che ne provengono giungono ovunque, nella Nigeria di Boko Haram, nel Sahel qaedista, nel Sinai, nella Libia dove il caos è alimentato dai finanziamenti di Turchia, Emirati, Qatar, Arabia Saudita, Egitto. Un articolo di Franco Venturini sul Corriere della Sera.

Fermare l'Isis è possibile. Lo si vuole?

Leggi tutto...

Il premier concede tutto e non porta a casa niente

Il premier rientra dagli Usa con le mani vuote ma lui è contento. Chi ha dato ha dato e chi ha avuto ha avuto. Renzi ha dato truppe in Afghanistan e possibilmente un freno a Draghi sul cambio euro-dollaro. Ha dato anche il suo appoggio al trattato commerciale Usa-Ue attualmente in discussione. In contropartita ha avuto due corone di cartone. Su quelle due Renzi torna a Roma felice e contento. Giornali e televisioni hanno già cominciato a suonare a festa e continueranno. Mi viene in mente la canzone "Madonne fiorentine" quando dice che "Madonna Bice non nega baci/ baciar le piace, che male fa?". Infatti, che male fa mettersi in testa due corone di cartone e far credere che sono d'oro massiccio e ingioiellato. Un editoriale di Eugenio Scalfari su la Repubblica.

Matteo è il Silvio 2.0

Leggi tutto...

Se l'Ue non aiuta Tsipras, Putin in soccorso di Atene

  • Pubblicato in Esteri

Con la crisi ucraina in pieno corso, gli Usa non possono permettere un'”entente cordiale” greco-russa con un obiettivo anti-europeo (e anti-americano). Tuttavia, senza un'alternativa per salvarsi la faccia, è probabile che il nuovo governo greco finisca tra le braccia dei russi. Gli Stati Uniti possono fare qualcosa? La risposta è senz'altro affermativa. Oggi l'Europa si trova in un vicolo cieco con il neo-governo greco che ha puntato tutta la sua reputazione sulla rinegoziazione dei diktat della troika e un establishment tedesco ed europeo che non si può permettere alcun cedimento per non pregiudicare irrimediabilmente le riforme economiche ottenute sin qui. In questa situazione, un intermediario deciso a difendere i principi tedeschi e al tempo stesso a facilitare un ammorbidimento dell'attuale posizione economica della troika (magari agevolando il passaggio con qualche piccolo sussidio) potrebbe contribuire molto alla mediazione di un accordo. Come Paese vincitore che ebbe la lungimiranza di abbuonare il debito del Paese sconfitto, gli Usa hanno anche un diritto morale a rivestire quel ruolo. Un editoriale di Lugi Zingales su Il Sole 24 Ore.

L'Europa non riesce a risolvere i suoi problemi

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS