Bruxelles, in onda lo scontro tra la Merkel ed i Paesi frugali

  • Pubblicato in Esteri

Anche Merkel è sotto lo scacco dei frugali, quei 4-5 paesi che stanno bloccando l’Europa a 27 e che stasera sono stati oggetto della reprimenda di Charles Michel. A cena è il presidente del Consiglio europeo, evidentemente d’accordo con la cancelliera, a fare un elenco, anche in toni aspri, di tutto quello che i paesi del nord hanno ottenuto nelle trattative. In particolare, Michel  presenta una nuova bozza che prevede un ammontare totale del recovery fund di 750 miliardi di euro, ripartiti in 400 miliardi di sussidi e 350 miliardi di prestiti. “Uno strappo mostrerebbe il volto di un’Europa debole”, precisa il presidente del Consiglio europeo, a poche ore dalla scadenza che preoccupa tutti all’Europa building: la riapertura delle borse del lunedì, dopo il weekend. I leader continuano a trattare a oltranza, per scongiurare un fallimento che probabilmente verrebbe punito dai mercati. Puntano almeno ad un rinvio ad un altro summit, che verrebbe forse compreso, a patto però che si raggiunga uno straccio di qualcosa prossima ad un accordo. Il commento di Angela Mauro su Huffington Post.

Il futuro della Ue nella mani della Merkel

Leggi tutto...

Gelata da Buxelles, meno soldi per l'Italia

  • Pubblicato in Esteri

Per Giuseppe Conte è arrivato un brutto scherzo e proprio dalla persona di cui si fidava di più: Angela Merkel. Sbarcato nella penisola iberica per i vertici con Pedro Sanchez e Antonio Costa, il premier italiano ha provato a tracciare una sorta di santa alleanza anti frugali con l’idea di poter convincere la Cancelliera a confermare il piano da 750 miliardi di euro per il Recovery Fund. Ma nemmeno il tempo di arrivare a Madrid, Conte ha ricevuto una doccia gelata arrivata direttamente da Berlino: il fondo può essere tranquillamente di 500 miliardi. Una sforbiciata che ha tutto il sapore di una vittoria (importantissima) dei “frugali”, che in Europa hanno rappresentato per mesi l’ala più dura degli avversari degli aiuti europei verso il Sud. E chiedevano alla Germania di fare i loro interessi, ovvero meno soldi a “fondo perduto” e puntare invece su prestiti mirati in base alle riforme promesse dall’Italia, che per troppo tempo – a detta dei rigoristi – ha fatto la “cicala”. In poche parole meno aiuti e più prestiti: e cioè agevolare il Mes riducendo sensibilmente la quota del Recovery Fund. Il commento di Lorenzo Vita su il Giornale.

Recovery Fund, marcia indietro di Angela Merkel

Leggi tutto...

In Europa comanda la Merkel

  • Pubblicato in Esteri

Angela Merkel ricorda che i mesi terribili alle nostre spalle e quelli difficili che ci attendono sono la “più grande prova esistenziale” nella storia dell’Unione europea. Fasciata in una giacca verde, fa appello alla speranza in più d’un passaggio del discorso, denso ed essenziale. Riafferma il suo credo nell’Europa, non solo per quanto ci ha dato in passato, con il ricordo dei suoi primi trentacinque anni di vita privi di libertà. Rivendica la speranza in un futuro del continente fatto di coesione, responsabilità e solidarietà. Nel mondo globalizzato l’Ue nulla toglie ai suoi membri, bensì li rafforza nel necessario confronto con gli altri attori mondiali. Il commento di Michele Valensise su Huffington Post.

Le angoscie di Angela Merkel

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS